• Google+
  • Commenta
14 dicembre 2013

Guido Tonelli all’Università di Trento con il Bosone di Higgs

Università di TRENTO – Guido Tonelli all’Università di Trento con il Bosone di Higgs

Conferenza pubblica lunedì 16 dicembre alle 15 al polo scientifico e tecnologico “Ferrari” di Povo dell’Università di Trento.

La mattina il fisico sarà anche in commissione d’esame come controrelatore per una tesi di dottorato di ricerca sulla particella

L’Università di Trento si prepara ad accogliere Guido Tonelli, uno dei protagonisti della scoperta del bosone di Higgs, e ad ascoltare direttamente da lui una presentazione degli anni di studio e ricerca che hanno reso possibile arrivare al risultato, ma anche la sua esperienza umana e la sua quotidianità. Tonelli sarà il relatore d’eccezione della conferenza “The discovery of the Higgs boson: a journey back in time towards the origin of our Universe”, lunedì 16 dicembre alle 15 nell’aula A106 del polo scientifico e tecnologico “Fabio Ferrari” (Povo – Via Sommarive, 5).

L’evento è organizzato dal Dipartimento di Fisica dell’Università di Trento, responsabili scientifici: Ignazio Lazzizzera e Giovanni Andrea Prodi.

Tonelli sarà all’Università di Trento fin dal mattino, impegnato in una commissione di tesi di dottorato. «Lunedì – spiega Ignazio Lazzizzera, professore di Fisica delle Particelle Elementari – difende la sua tesi di dottorato un mio studente, Kostantin Kanishev. Si tratta di una tesi sulla misura del bosone di Higgs a LHC in specifici canali da noi studiati in collaborazione con altri fisici della Collaborazione CMS. Ho, dunque, il piacere di avere in commissione quale “opponente” il professor Guido Tonelli dell’Università di Pisa, che è stato a capo della collaborazione CMS durante il periodo della scoperta del bosone di Higgs. Il suo ruolo corrispondeva a quello di Fabiola Gianotti in ATLAS, l’altra collaborazione che contemporaneamente a CMS, ma indipendentemente, ha trovato il bosone di Higgs: questa ridondanza sperimentale è un usuale espediente di certezza scientifica».

Guido Tonelli – Professore ordinario di Fisica generale presso l’Università di Pisa e ricercatore associato all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è uno dei principali protagonisti della scoperta del bosone di Higgs ad LHC che ha portato all’assegnazione del premio Nobel per la Fisica a François Englert e Peter Higgs.

Guido Tonelli ha condotto ricerche in fisica delle particelle elementari con esperimenti al CERN (Svizzera) e a Fermilab (USA) ed è autore o co-autore di oltre 600 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali. Ha dedicato una larga parte della sua vita professionale alla ricerca del bosone di Higgs e di eventuali segnali di nuova fisica. A partire dal 1993 ha contribuito ad ideare e costruire l’esperimento CMS, in funzione al Large Hadron Collider (LHC) del CERN. Con oltre 3.300 scienziati provenienti da 183 università e centri di ricerca distribuiti in 42 paesi di tutti i continenti, CMS è una delle maggiori imprese scientifiche di sempre. Guido Tonelli ha ricoperto per molti anni importanti incarichi manageriali in CMS ed è stato coordinatore internazionale dell’esperimento nel 2010 e 2011 quando ha guidato le fasi cruciali che hanno portato alla scoperta della nuova particella annunciata nel luglio 2012.

Per il suo contributo a questa scoperta di importanza storica Guido Tonelli ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali. Fra i più prestigiosi, nel 2012 lo “Special Prize for Fundamental Physics” e nel 2013 l’”Enrico Fermi Prize”. Su iniziativa diretta del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito del Presidente della Repubblica per meriti scientifici.

Google+
© Riproduzione Riservata