• Google+
  • Commenta
7 dicembre 2013

Unisannio: Autonomia e Responsabilità sociale dell’Università

Unisannio – Autonomia e Responsabilità sociale dell’Università: Governance e Accountability: il volume presentato all’Unisannio

Unisannio

Unisannio

“Autonomia e responsabilità sociale dell’Università: governance e accountability” è il titolo del libro presentato questo pomeriggio all’Unisannio da uno degli autori, Alberto Cassone dell’Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, insieme al rettore dell’Università degli Studi del Sannio, Filippo de Rossi e a Paolo Ricci, ordinario di Economia aziendale dell’ateneo sannita.

Il prof. Cassone e il collega Lorenzo Sacconi, dell’Università degli Studi di Trento, analizzano all’Unisannio le trasformazioni che hanno riguardato l’università italiana coinvolta in continue riforme legislative.

Tra le ragioni dei cambiamenti imposti, gli autori individuano anche la necessità da parte dell’Università, finanziata con soldi pubblici, di ‘rendere conto’ dell’efficacia delle sue attività in relazione alle sue finalità d’interesse pubblico. Una richiesta che arriva a gran voce proprio dalla società soprattutto quando l’opinione pubblica viene condizionata da comunicazioni volte a screditare la reputazione dell’università.

In particolare, dal lavoro presentato all’Unisannio emergono principalmente due impostazioni, per quel che riguarda i principi di autonomia e responsabilità sociale dell’università. Da un lato l’università viene vista come un’organizzazione che richiede una governance multi-stakeholder e democratica, in grado di raggiungere equi bilanciamenti tra interessi e di impedire l’abuso di un potere sull’altro. In questo contesto l’accountability degli atenei serve a ‘rendere conto’ delle scelte effettuate ai vari stakeholder, depositari a gradi differenti di diritti di partecipazione e informazione sulle decisioni. L’altro tipo di impostazione, in fatto di governance, limita l’autogoverno delle università attraverso l’introduzione di un spazio di potere affidato a soggetti esterni. Ovvero, il controllo  dovrebbe essere prevalentemente esterno e la rendicontazione dovrebbe essere quindi rivolta ai controllanti esterni.

Con analisi empiriche e teoriche, il volume presentato all’Unisannio nella prima parte, studiando le trasformazioni in corso, cerca di stabilire quale dei due modelli suddetti sia più fondato. L’idea di università autonoma e socialmente responsabile verso gli stakeholder è alla base (nella seconda parte) dell’analisi dei principi e delle esperienze di rendicontazione sociale (bilancio sociale) delle università.

 

Google+
© Riproduzione Riservata