• Google+
  • Commenta
17 dicembre 2014

Frediano Sessi a Uniud all’anniversario liberazione di Auschwitz

Frediano Sessi
Frediano Sessi

Frediano Sessi

Domani, giovedì 18 dicembre a palazzo Garzolini Frediano Sessi sulla resistenza civile ed esistenziale in Europa, 1933-1945.

Ne parla Ferdinando Sessi, alla vigilia del 70° anniversario della liberazione di Auschwit.

Alla vigilia del settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz, la Scuola Superiore dell’Università degli Studi di Udine – ospita F. Sessi, professore di sociologia generale dell’Università di Brescia, per una lezione, aperta a tutti gli interessati, dal titolo Resistenza civile ed esistenziale in Europa, 1933-1945. L’appuntamento è per giovedì 18 dicembre alle 17 nell’auditorium del palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann, in via Gemona 92 a Udine.

L’incontro con F. Sessi, organizzato dall’Associazione Alumni della Scuola Superiore, «si propone di presentare e discutere – anticipa Giovanni Miglianti, dell’Associazione Alumni della Supe e organizzatore dell’incontro – due categorie di resistenza non armata al totalitarismo, con l’obiettivo di allargare lo sguardo dalla memoria degli accadimenti del Novecento al confronto con la realtà contemporanea».

Chi è Frediano Sessi: curriculum accademico

Oltre a scrivere per la pagina culturale del Corriere della Sera, Sessi è scrittore e saggista; a lungo consulente editoriale per Einaudi, ha curato l’edizione italiana del Diario di Anne Frank e la traduzione di The Destruction of the European Jews di Raul Hilberg, nonché il Dizionario della Resistenza (con Enzo Collotti e Renato Sandri). Il suo ultimo lavoro è Mano nera. Esperimenti medici e resistenza nei lager nazisti (Venezia, 2014).


© Riproduzione Riservata