• Google+
  • Commenta
12 dicembre 2014

Luigi Gui a cento anni dalla nascita all’Università di Padova

Luigi Gui

Università degli Studi di Padova – I padri fondatori dell’Europa Luigi Gui a cento anni dalla nascita

Luigi Gui

Luigi Gui

Ha per titolo “Uno qualunque. La politica del buonsenso” l’opuscolo clandestino di ventuno facciate datato dicembre 1944 in cui Luigi Gui scrive: «Che cosa fare? Continueremo a beccarci tra di noi come i capponi di Renzo finché non finiremo nella grande pentola russa o americana? Sarebbe veramente cretino. Attenderemo supinamente di essere ingoiati dall’orso russo o dal polipo americano? Oltre che cretino sarebbe anche vile. Che fare dunque? Non resta che difenderci e in un modo soprattutto: unendoci. È venuto il tempo di creare una Confederazione d’Europa, Inghilterra compresa».

Cattolico, alpino nella campagna di Russia, partigiano, tra i Costituenti che resero possibile una Carta costituzionale capace di realizzare una sintesi alta tra le culture cattolica, marxista e liberale, per otto volte deputato e cinque volte Ministro della Pubblica Istruzione Gui (1914 – 2010) è stato soprattutto un civil servant.

A lui si deve la riforma scolastica che rivoluzionò il vecchio sistema, che risaliva a Gentile, introducendo la scuola media unica: fine dell’esame integrativo dopo la V elementare per accedere alle medie inferiori, termine dell’avviamento professionale, obbligo scolastico fino ai 14 anni. Proprio nello spirito della Costituzione: scuola aperta a tutti, con l’istruzione inferiore obbligatoria e gratuita.

I padri fondatori dell’Europa, in ricordo di Luigi Gui

I padri fondatori dell’Europa, in ricordo di Luigi Gui è il titolo del Convegno sulla visione dei padri fondatori dell’Europa di fronte alle sfide dell’oggi in occasione del centenario della nascita del politico padovano Luigi Gui che si terrà martedì 16 dicembre dalle ore 9.00 in Archivio Antico di Palazzo Bo in via VIII febbraio 2 a Padova e organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali, Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità e dal Centro Diritti Umani dell’Università di Padova.

Dopo i saluti di Giuseppe Zaccaria, Magnifico Rettore dell’Università di Padova, Flavio Rodeghiero, Assessore alla Cultura del Comune di Padova, Marco Mascia, Presidente dell’Associazione Universitaria di Studi Europei, e Francesco Gui interverranno Sylvain Schirmann, Direttore dell’Institut d’Etudes Politiques dell’Università di Strasburgo, Antonio Varsori, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali, Thomas Jansen, Segretario Generale (1983-1994) e storico del Partito Popolare Europeo, Giampaolo Romanato, Università di Padova, e Daniela Preda, Università di Genova.


© Riproduzione Riservata