• Google+
  • Commenta
4 maggio 2015

Azione Universitaria Unict propone di potenziare i part-time



Università degli Studi di Catania – Azione Universitaria Unict propone di potenziare le collaborazioni part-time degli studenti

Segui le notizie della tua università in tempo reale dalla Fan Page CC.

Se sei un associazione universitaria o fai parte di un gruppo di studenti e vuoi dire la tua contatta la redazione ed invia i tuoi comunicati stampa a redazione @controcampus.it

E’ dei giorni scorsi una lettera con cui il Consigliere di Amministrazione dell’Ateneo Fabrizio Parla di Azione Universitaria chiede al Rettore e al Direttore Generale di implementare il part-time rivolto agli studenti.

Lo stesso nella nota afferma “Sentita la comunità studentesca e dopo alcuni incontri informali, metto all’attenzione la necessità e l’opportunità di implementare il servizio part-time di collaborazione degli studenti del nostro Ateneo con la stessa Università.

Azione Universitaria Unict propone di potenziare gli  studenti part-time

Il servizio, attualmente disponibile, dà la possibilità agli studenti di fare un’ esperienza retribuita e di partecipare ad un importante servizio per l’Università.

La proposta che si vuole fare è quella di potenziare il servizio (il quale attualmente  ha a  disposizione un fondo di 523.939.52 euro per  446 collaborazioni circa), fornendo maggiori fondi per il prossimo bando di collaborazioni. Il servizio allargato permetterebbe intanto di migliorare notevolmente la qualità dei servizi del nostro Ateneo, (tali servizi infatti sono oggetto di valutazione da parte del MIUR che in base a quelli valuta le Università Italiane) sia di coinvolgere maggiormente la comunità studentesca nelle attività e nei servizi offerti”.

Conclude Parla con “un ringraziamento al Magnifico Rettore Prof.Pignataro ed il Direttore Generale Dott.Federico Portoghese per l’impegno in favore dell’istituzione e della comunità universitaria, la proposta in oggetto è stata partorita dal confronto e dalla volontà di migliorare questo Ateneo ed i suoi servizi, un’ Università più vicina allo studente, sono certo che ci sono le premesse per farlo”. 


© Riproduzione Riservata