• Google+
  • Commenta
28 Gennaio 2019

Unibocultura Eventi: da Leopardi alla comunicazione scritta

Nei fondi della biblioteca Unibo
Unibocultura Eventi

Unibocultura Eventi

Parte Unibocultura Eventi: da Leopardi alla comunicazione scritta fino agli affreschi della Palazzina della Viola.

Inaugura all’Alma Mater una nuova rassegna di eventi, chiamata “Unibocultura Eventi”. Con un programma di incontri, fino ad aprile, per spaziare tra le aree culturali che caratterizzano la vita dell’Ateneo.

Presentata la rassegna di iniziative culturali sotto il titolo generale “Unibocultura eventi”, in programma da febbraio ad aprile negli spazi dell’Alma Mater. A cura di docenti Unibo e in collaborazione con il Progetto Griffo La grande festa delle lettere.

L’obiettivo è quello di proporre all’Università e alla città, di stagione in stagione, quanto viene progettato e proposto seguendo il confine tra le aree culturali che caratterizzano la vita dell’Ateneo.

Letteratura, arte, filosofia, scienze, tecnologie digitali, studi medici e giuridici. Il calendario di Unibocultura tiene insieme le convergenze di tutte le discipline intorno ai problemi che le attraversano e costituiscono gli oggetti di discussione più attuali e cogenti.

Un cartellone ricco, dunque, di iniziative per untuffo nella poesia di Leopardi con sette incontri a cura del prof. Marco Antonio Bazzocchi e della prof.ssa Paola Italia. Sei domeniche tra febbraio e marzo tra gli affreschi della Palazzina della Viola. Il ciclo di 6 conferenze “La forza delle lettere”. Organizzato nell’ambito di Griffo la grande festa delle lettere, presso la BUB – Biblioteca Universitaria e la Fondazione MAST.

Programma Unibocultura Eventi: da Leopardi alla comunicazione scritta

Il programma dei primi mesi del 2019 si apre con la valorizzazione di una sede Unibo che ha una lunga storia e che affonda nella vita bolognese di molti secoli fa. La Palazzina della Viola, edificio voluto da Annibale Bentivoglio a fine ‘400 e sede oggi degli uffici dell’Internazionalizzazione.

Le visite alla Palazzina vogliono proporre al pubblico la bellezza di un momento storico in cui l’arte e la natura si incontrano nel cuore della città. Là dove oggi si trovano i luoghi dello studio e della vita intellettuale.

Il ciclo conferenze “La forza delle lettere”, organizzato nell’ambito di Griffo la grande festa delle lettere, celebra la più importante e durevole delle invenzioni umane, le lettere del nostro alfabeto. Nell’Aula Magna della BUB e nell’auditorium del MAST, sei autorevoli esperti in diverse discipline trasversali al mondo delle lettere ci accompagneranno in un viaggio intorno al mondo della “lettera” intesa come fondamento di civiltà e di cultura visiva.

Da Leopardi alla comunicazione scritta fino agli affreschi

“Leopardi allo specchio” coglie l’occasione dell’anniversario di un anno centrale nella vita del poeta. Il 1819, l’anno dell’Infinito e della fuga da casa, oltre che della composizione di testi considerati minori ma fondamentali per capire la personalità poliedrica di Giacomo. Gli aspetti delle opere di questo anno cruciale vengono osservati in ogni incontro da due prospettive diverse. Quella del letterato e quella dello scienziato, del giurista, del medico, chiamati in causa dalle tematiche che le opere affrontano.

“Io sono/Io non sono”. Alternativa del titolo indica il tema della identità, che verrà declinato lungo il 2019 in forme diverse. Dall’identità delle professioni a quella dei saperi, dall’identità individuale a quella collettiva. Di volta in volta negli incontri si susseguiranno personaggi che rappresentano aspetti diversi della discussione intorno all’identità che sta segnando ogni discorso di oggi. Ma che in realtà risale a tempi lontanissimi e soprattutto a culture molto diverse dalla nostra.

Il primo incontro è in programma per martedì 5 marzo, alle 21, nell’Aula Absidale di Santa Lucia, con la partecipazione di Michela Murgia e Lino Guanciale e in collaborazione con ERT – Emilia Romagna.

Google+
© Riproduzione Riservata