• Napolitani
  • Romano
  • Gelisio
  • Algeri
  • Meoli
  • Romano
  • di Geso
  • Chelini
  • Boschetti
  • Leone
  • Paleari
  • Scorza
  • Rossetto
  • Grassotti
  • De Luca
  • Valorzi
  • Coniglio
  • Quaglia
  • Ferrante
  • Santaniello
  • Miraglia
  • Cacciatore
  • Andreotti
  • Baietti
  • De Leo
  • Rinaldi
  • Buzzatti
  • Gnudi
  • Liguori
  • Carfagna
  • Casciello
  • Alemanno
  • Catizone
  • Ward
  • Quarta
  • Tassone
  • Barnaba
  • Bonetti
  • Falco
  • Califano
  • Crepet
  • Pasquino
  • Bonanni
  • Mazzone
  • Dalia
  • Bruzzone
  • Cocchi

Diventare macellaio: come aprire una macelleria, lavoro e stipendio

Cristina Siciliano 4 Agosto 2021
C. S.
19/09/2021

Ecco come diventare macellaio, cosa fare, aprire una macelleria, corsi e formazione, mansioni, opportunità e quanto guadagna.



Tra le attività commerciali più richieste e di successo, ci sono i punti vendita macelleria. A dimostrarlo sono i dati di vendita, che indicano come, a differenza di quanto avviene per la grande distribuzione, le piccole macellerie riescono a mantenere un buon flusso di clienti. Qualità elevata e servizio professionale sono i segni distintivi di questi negozi che riescono a sopravvivere alla crisi che ha colpito i punti vendita al dettaglio.

Il mestiere del macellaio ha subito dei cambiamenti nel tempo e si è evoluto in funzione delle esigenze del mercato. Il professionista prepara la carne per la vendita o la produzione di prodotti a base di carne, occupandosi di tutte le fasi di lavorazione. Inoltre, dopo la macellazione, si dedica alla disossatura e alla preparazione dei tagli di carne. Per questo motivo, deve conoscere l’anatomia degli animali e possedere una buona manualità, per imparare a utilizzare i coltelli e i vari strumenti adatti per lavorare i tagli di carne.

Non bastano dei corsi per diventare macellaio e addetto macelleria. Cosa serve sapere e quali requisiti possedere, lo abbiamo chiesto ad un professionista con molti anni di esperienza.

Le opportunità di lavoro possono interessare posizioni aperte in supermercati o fabbriche, mentre altri sono lavoratori autonomi, che hanno imparato i segreti del mestiere e deciso di aprire una macelleria. Cosa serve per aprire un punto vendita di carne e pollo, quanto guadagna un macellaio, cosa fa, competenze e requisiti li analizzeremo di seguito cin l’aiuto di un professionista esperto.

Come diventare macellaio: corsi, formazione, diploma e titoli per fare questo lavoro

La formazione è certamente uno dei momenti più importanti per un aspirante professionista che vuole avere successo nel proprio settore. Cosa serve per lavorare in macelleria, attestati e qualifiche le illustreremo di seguito. E’ bene precisare che non c’è una specifica scuola per diventare macellaio, corsi professionali ed apprendistato consentono all’inizio di imparare le tecniche di lavorazione della carne. Gli studenti già dopo il diploma, possono seguire uno dei tanti corsi di formazione professionale per diventare macellaio della durata anche di 2 / 3 anni, erogati nelle singole regioni da enti ed associazioni abilitati.

I corsi per macellaio e addetto gastronomia sono rivolti a principianti che vogliono impartire le conoscenze di base del taglio di pollo, tacchino, suino e bovino. Ma anche conoscenze relative all’utilizzo delle parti rimanenti dopo la lavorazione al fine di trasformarle in preparati naturali privi di additivi.

Ecco un elenco di possibili corsi per macellaio, costo e durata possono variare in funzione dell’ente emittente e della formazione impartita.

  • Addetto di Macelleria: corso con rilascio di Attestato di Qualifica (EQF 3) generalmente emessi dalle Regioni e valido su tutto il territorio della Comunità Europea
  • Corso per Tecnico specializzato nella lavorazione, valorizzazione e commercializzazione di carni e salumi – Federcarni.
  • Corso di Addetto lavorazioni carni e salumi

Come aprire una macelleria: cosa fare, documenti e pratiche

Aprire una macelleria può rivelarsi una buona attività imprenditoriale. Soprattutto se situata nelle grandi città, dove la richiesta di carne è elevata. Ma prima di pensare alla giornata del macellaio e quanto guadagna, è bene conoscere anche gli obblighi del punto vendita.

Come per tutte le attività imprenditoriali, anche l’apertura di una nuova macelleria è soggetta ad alcuni passaggi obbligatori dal punto di vista burocratico:

Ecco l’elenco dei passaggi fondamentali:

  • Registrare la società attraverso l‘iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio della città in cui si esegue l’apertura dell’attività;
  • Ottenere partita IVA presentando domanda all’Agenzia delle Entrate;
  • Regolarizzare la propria posizione INPS e INAIL al fine della previdenza degli infortuni;
  • Ottenere l’agibilità dei locali e il nulla osta sanitario;
  • Presentare la SCIA (Segnalazione certificata di Inizio Attività) presso SUAP del Comune di appartenenza.

Per aprire un’attività di macelleria, c’è bisogno di autorizzazioni comunali e sanitarie tra cui REC, ossia il Registro Esercenti il Commercio e HCCP, ossia il Sistema di analisi dei rischi e dei punti di controllo critico. Il negozio inoltre, deve contenere celle frigorifere, banchi da lavoro, coltelli ecc., insomma  gli strumenti necessari per iniziare l’attività“.

Giornata del macellaio: cosa fa, mansioni tipiche del lavoro

“La giornata tipo di un macellaio inizia la mattina presto, con il di disossare e selezionare il taglio di carne che poi sarà venduto ai clienti. Il lavoro si conclude la sera con le pulizie del locale e degli strumenti da lavoro. Poi più volte a settimana bisogna occuparsi di acquistare le materie prime presso il mattatoio e depositi alimentari. E una volta a settimana generalmente, ci si occupa della parte contabile e della tassazione” – afferma Tommaso Piatti, proprietario della macelleria Al Vero Vitello.

Come avviene l’approvvigionamento delle materie e dei prodotti?

“Tra le principali mansioni del mestiere, c’è la scelta dell’azienda o mattatoio di fiducia che ti offre prodotti di prima scelta. Si concordano quantità e qualità della carne che poi sarà consegnata al locale stesso dall’azienda. Invece le materie alimentari le acquistiamo mediante rappresentati che consegnano la merce direttamente nel locale”.

Quali sono le sue mansioni, cosa fa e di cosa si occupa?

Io da titolare dell’attività gestisco la macelleria, taglio, disosso, preparo i banchi per la vendita e seleziono i tagli carne. Ed infine controllo l’attività di vendita”. – Risponde Tommaso Piatti.

Stipendio macellaio: quanto guadagna

Per chi vuole sapere come diventare macellaio, stipendio e quanto si guadagna con questo mestiere sono certamente informazioni rilevanti.

“Il guadagno e lo stipendio del macellaio dipende da diversi fattori. Se il profitto è direttamente tuo o se sei dipendente, da quanto vendi, dalla stagione. Ma anche dalla posizione della macelleria e dei servizi che offre, se è facilmente raggiungibile, se ha consegna a domicilio, etc. Un macellaio guadagna al mese circa 2000 euro netti“. – Ci fa notare Tommaso Piatti.

Lavoro da macellaio: offerte ed opportunità di carriera

Aprire una macelleria e diventare macellaio conviene se si è determinati. Per poter lavorare in questo ambito occorre sicuramente una buona dose di passione.

“Ai giovani che vogliano intraprendere questo mestiere, suggerisco loro di essere realmente sicuri e consapevoli della scelta perché è un lavoro usurante che ti occupa circa 14 ore al giorno. Chi vuole diventare macellaio deve svolgere questo mestiere seriamente, in quanto è fondamentale il rapporto di fiducia con i clienti, da cui poi dipenderà anche il profitto”. – Ci spiega Tommaso Piatti.

“Oggi c’è l’opportunità di poter diventare un maestro macellaio tale da poter lavorare nelle grandi catene di distribuzioni. Lo sconsiglio ai giovani non intraprendenti, a chi non piace avere contatto con il sangue o a chi non è amante di questo mestiere”. – Conclude.

Importante è tenere in considerazione l’emergere di nuove opportunità nel settore: infatti, negli States spopola la macelleria vegetariana che propone la bistecca sostitutiva della carne, o altri prodotti di origine vegetale che possono sostituire le proteine animali.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Cristina Siciliano Sono laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna (curr. Umanistica Digitale). Ho esperienza nell'ambito della comunicazione ed ho svolto l'attività di pubblicista per diverse testate giornalistiche online, anche all'Estero. In questi ultimi due anni ho potuto lavorare come assistente part-time all'Università. Ho un'ottima conoscenza della lingua inglese e buone capacità informatiche e di Team working. Attualmente il mio punto di forza è sicuramente la mia modestia, che mi permette di conoscere tutti i miei limiti. Ho una grande passione per la scrittura, che è nata sulla carta ed è migrata sulla tastiera. Infatti, mi piace scoprire, conoscere, imparare e amo qualsiasi cosa racconti una storia. Leggi tutto