• Google+
  • Commenta
11 aprile 2014

Red Bull On Stage: un successo all’Unict la formazione di Red Bull

Università degli Studi di Catania – Red Bull on stage: si chiude l’edizione catanese con un ottimo successo di pubblico e interesse.

La Formula 1 sale in cattedra a Catania e registra il tutto esaurito per la lecture dell’ingegnere Francesco Pancrazi, della Scuderia Toro Rosso, momento clou della seconda edizione nazionale di Red Bull On Stage: “cerchiamo ragazzi freschi di studio e motivati”. Continuano le selezioni nella Facoltà di Ingegneria dell’Ateneo catanese.

Tra le centinaia di studenti siciliani che in questi giorni hanno partecipato alle prime fasi delle selezioni online di Red Bull on Stage, nella Facoltà di Ingegneria di Catania, potrebbero esserci i futuri stagisti di casa Toro Rosso. Saranno solo quattro in tutta Italia e dovranno superare durissime selezioni, ma i ragazzi dell’Ateneo catanese non hanno perso tempo e hanno iniziato dal salotto che Red Bull On Stage ha allestito per loro, nell’area lounge realizzata nell’atrio della Facoltà. Chi ha passato i primi test potrà accedere alle fasi succesive, sino ad arrivare ad una selezione dei 50 migliori candidati e poi alla finalissima con la valutazione da parte dei manager e dei tecnici di Toro Rosso, direttamente a Faenza. “Intraprendenza, ambizione, predisposizione al lavoro di squadra e soprattutto voglia di scommettere su se stessi. Un’occasione per costruire il proprio futuro in Formula 1 di certo non capita tutti i giorni, ma noi siamo la dimostrazione che il sogno può realizzarsi – ha spiegato il Control Systems Engineer di Toro Rosso, Francesco Pancrazi, durante la sua lecture – Anzi, abbiamo bisogno di ragazzi freschi di studio e motivati, affinché possano portare le loro competenze in un ambiente dove lavorano professionisti maturi che su alcuni aspetti magari non sono aggiornatissimi”. È stato questo il momento più atteso dei tre giorni di test, intrattenimento e formazione altamente specializzata, quello che ha visto salire in cattedra l’ingegnere elettronico con una lunga e dettagliata lecture, supportata da slide e ricchi contenuti tecnici. “La Formula 1 è un sogno che si può realizzare, basta essere motivati, curiosi e tecnicamente preparati”, risponde ancora Pancrazi 38 anni, toscano, da sette anni in Toro Rosso e una vita in giro per il mondo, sollecitato da un fiume di domande. E poi riporta il caso di uno degli studenti vincitori della passata edizione. “E’ stato uno scambio di esperienze e visioni molto proficuo per entrambe le parti: per il team di Formula 1 e per lo stesso studente marchigiano, che ha frequentato lo stage nel settore elettronico. Il ventitreenne ha sviluppato il progetto dell’avvitatore da utilizzare nel pit stop. Un oggetto che vedete sugli schermi tv tutte le domeniche e che il nostro team continua ad utilizzare. Lui poi ha voluto proseguire gli studi, invece di rimanere nel settore di Formula 1, ma l’altro stagista, un ragazzo spagnolo in Italia per il progetto Erasmus, è stato assunto nel settore compositi”. La lezione di Pancrazi è stata incentrata sui

Controlli elettronici di una Formula 1, dalle restrizioni regolamenti e la centralina unica, passando per i sistemi elettro idraulici all’argomento più dibattuto della stagione, ovvero il nuovo motore a propulsione ibrido che comprende due motori elettrici e un motore a combustione V6.

A fare gli onori di casa è stato il professor Rosario Lanzafame, docente della Facoltà di Ingegneria Meccanica di Catania, che ha presentato il suo “gioiellino” meccanico, esposto nei saloni di Ingegneria: “Sicily”, l’auto del futuro che con un litro percorre 125 chilometri. La vettura eco parteciperà alla Eco Shell Marathon di Rotterdam, dal 14 al 18 maggio, competizione nata per dimostrare come un consumo più oculato non significhi necessariamente una minore efficienza. L’auto è stata messa a punto dall’EcoKatane Engineering Team, un gruppo di allievi di Ingegneria Meccanica ed Industriale dell’Ateneo coordinati dal prof. Lanzafame.

I fortunati vincitori saranno i protagonisti dello stage di Toro Rosso che si svolgerà dal 16 giugno al 30 settembre con una pausa estiva di due settimane. Retribuito e comprensivo di alloggio, lo stage darà ai ragazzi la possibilità di partecipare al Gp di Monza e lavorare in uno dei seguenti Dipartimenti: Production, Purchasing, Gearbox Systems, Electronics e Control Systems. Lo scorso anno sono stati ben 70 mila gli studenti che hanno partecipato alle selezioni.

Per candidarsi al “Red Bull On Stage”, c’è tempo fino al 20 aprile, compilando il test online anche da casa tramite il sito Red Bull

Le FOTO dell’evento, scattate da Agatino Puglisi, studente della Facoltà di Ingegneria, sono a disposizione sino al 17 aprile su Wetranfer


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy