• Google+
  • Commenta
22 maggio 2014

Strage di Capaci: video degli studenti Unict per non dimenticare

Strage di Capaci

Università degli Studi di Catania – “Per non dimenticare”: un video degli studenti dell’Università di Catania per l’anniversario della strage di Capaci

Strage di Capaci

Strage di Capaci

E Radio Zammù manderà in onda per ricordare la Strage di Capaci una puntata di approfondimento per dire che “Non è finito tutto”

Un video per non dimenticare la strage di Capaci, il cui anniversario ricorre il 23 maggio. Lo hanno realizzato alcuni studenti dell’Università di Catania, aderendo ad un progetto che ha coinvolto anche gli atenei di Foggia, Milano e Palermo, promosso dal Miur in collaborazione con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.

Il video degli studenti dell’Unict per non dimenticare la Strage di Capaci

L’iniziativa nazionale è nata con l’obiettivo di stimolare soprattutto la riflessione, attraverso il quale far emergere i valori della legalità, della lotta alle mafie della cittadinanza attiva. Gli uomini, sulle cui gambe – come auspicava il giudice Falcone – dovranno camminare queste idee e questi valori, in questo caso sono proprio gli studenti.

La realizzazione di questo cortometraggio sulla Strage di Capaci – ideato e diretto dal senatore accademico Giuseppe Musumeci, rappresentante degli studenti –  prende spunto proprio dalla celebre citazione del magistrato assassinato insieme alla moglie e agli uomini della scorta il 23 maggio del 1992, mettendo insieme le figure protagoniste degli studenti, della società civile e la testimonianza di alcuni rappresentanti delle istituzioni.

Vuole essere, nelle intenzioni degli autori, un racconto che nasce dal dolore e che si fa memoria, testimonianza e coraggio civile rispecchiando cosi il modo in cui oggi i giovani e le istituzioni vogliono responsabilmente assumersi l’eredità morale di combattere il fenomeno mafioso.

Cast Video Strage di Capaci

Del cast sul video della Strage di Capaci fanno parte studenti dell’Ateneo e liceali, e nel video sono presenti anche messaggi del sindaco di Catania Enzo Bianco e del rettore Giacomo Pignataro. L’iniziativa ha potuto contare sul supporto, oltre che del Comune e dell’Università, della Consulta provinciale degli studenti di Catania, della Consulta comunale, dell’associazione Actea, del liceo scientifico Ettore Majorana di San Giovanni la Punta. Hanno collaborato alla realizzazione Andrea Materia (Video operatore e direttore della fotografia), Salvo Gravina (montaggio), Nunzio Mirenda (Tecnico del suono). La musica è di Stefano Mocini.

Per ricordare il ventiduesimo anniversario della strage di capaci, inoltre, l’emittente dell’Università di Catania, in occasione della Giornata della legalità, Radio Zammù (Radiozammu e 90FM) trasmetterà domani dalle 10 alle 12 un programma di approfondimento giornalistico, intervistando anche giovani catanesi nati dopo la stagione degli attentati, per capire cosa sia rimasto nelle nuove generazioni di uno dei periodi più tragici della storia italiana. Punto di partenza sarà la frase «È finito tutto» con la quale Antonino Caponnetto – uno dei magistrati che aveva guidato il pool antimafia – rispondeva a un giornalista subito dopo aver visto per l’ultima volta il cadavere dell’amico e collega Paolo Borsellino. Il vecchio giudice aveva visto morire assassinati da Cosa nostra i colleghi Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e Borsellino. Ma la sua frase, dettata da un momento di estremo sconforto, è stata smentita poi dall’impegno instancabile con il quale Caponnetto ha girato per anni scuole e piazze in tutta Italia.

Assieme ad approfondimenti sulle scorte civiche a sostegno dei giudici di oggi e sull’impegno della Chiesa, verranno intervistati liceali e studenti universitari nati nei primi Anni ’90 per capire cosa è rimasto di un periodo estremamente tragico per la Sicilia e l’Italia nella generazione successiva a quegli avvenimenti. Interverranno tra gli altri Luca Salici, giornalista e co-autore della graphic novel “Non è finito tutto”, e lo storico della mafia Salvatore Lupo, docente dell’Università di Palermo e autore del libro “La mafia non ha vinto. Il labirinto della trattativa”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy