• Google+
  • Commenta
22 maggio 2014

Università di Trento: Netaware, nuove tecnologie contro l’esclusione sociale

Università di Trento – Netaware: le nuove tecnologie contro l’esclusione sociale

Un gruppo di studenti del Dipartimento di Economia e Management a Katowice, in Polonia, insieme a colleghi di altre 10 università europee. Nelle scorse settimane, lezioni e workshop per imparare a progettare campagne promozionali online con organizzazioni non governative che contrastano l’esclusione sociale.

Due settimane a Katowice, in Polonia, a contatto con studenti di altre dieci università europee per imparare a progettare campagne di sensibilizzazione contro l’esclusione sociale usando le nuove tecnologie dell’Information and Communication Technology. Questo l’obiettivo del Programma Erasmus Intensivo AwareNet, coordinato dalla University of Economics in Katowice e patrocinato dalla Commissione Europea, a cui partecipa anche il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Trento (coordinamento scientifico del professor Italo Trevisan e con la collaborazione di Zubair Shahid).

Gli studenti dell’Università di Trento, selezionati insieme ad altri colleghi europei, hanno avuto nelle scorse settimane l’opportunità di lavorare in gruppi internazionali, collaborando con alcune organizzazioni non governative impegnate a contrastare il fenomeno dell’esclusione sociale. Quest’anno, l’attenzione è stata posta sulle persone escluse a causa del proprio orientamento sessuale e su coloro che non hanno accesso ai prodotti finanziari di base, come conti correnti e carte prepagate, a causa di redditi troppo bassi.

Nell’ambito di questo programma, gli studenti hanno assistito a lezioni tenute da professori provenienti da tutte le università partner, potendo entrare in contatto con metodi didattici diversi e approfondire nuovi temi e approcci. Inoltre, il progetto si pone l’obiettivo di facilitare la trasmissione della conoscenza creando legami personali e accademici tra gli studenti e tra le istituzioni da cui provengono. I partecipanti hanno potuto subito mettere in pratica ciò che avranno appreso, impegnandosi in prima persona nell’ideazione e nella creazione di una campagna di sensibilizzazione online da sviluppare con le organizzazioni direttamente interessate.

La diversità dei curricula dei partecipanti – che spaziano dal marketing all’Information Technology, e includono la sociologia e la responsabilità sociale – vuole essere un modo per ampliare ulteriormente le conoscenze e le abilità degli studenti, in un’interazione virtuosa e proficua. «Il Programma Erasmus Intensivo NetAware si propone di fornire ai partecipanti una maggiore consapevolezza riguardo i problemi connessi all’esclusione sociale e allo stesso tempo supporta le organizzazioni non governative che si battono contro di essi nell’adempiere alla loro missione usando gli strumenti innovativi dell’ICT, in particolare Google AdWords» aggiunge Sławomir Smyczek, ideatore e organizzatore del progetto.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy