• Google+
  • Commenta
12 luglio 2014

ARDIS Unicz: passaggio delle funzioni dell’ARDIS all’Università

Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro – Gli studenti del Campus di Germaneto, attraverso i  propri rapresentanti, istituzionali, manifestano  vivo compiacimento per il ventilato passaggio delle  funzioni   dell’Ardis all’università di Catanzaro

Le attività finora attribuite all’Ardis ente commissariato dal 2005,  verrebbero svolte direttamente dall’Ateneo catanzarese, cosi come previsto dalla datata legge regionale.

Le fasi che stanno caratterizzando il percorso individuato per  definire il passaggio delle funzioni dell’Ardis sarebbero  in uno stato abbastanza avanzato.

Rimane ancora da definire qualche dettaglio sulla questione Ardis Unicz, ma  non sembra che ci siano ostacoli difficili da superare.

Passaggio delle  funzioni dell’Ardis all’università di Catanzaro

La fiducia permane circa la questione Ardis Unicz e ad essa si collegano le dichiarazioni rese note alla stampa dal componente del Senato Accademico, Eugenio Garofalo. “Tutti concordano che il trasferimento delle funzioni Ardis all’Ateneo determinerà un miglioramento sul versante dell’erogazione dei  servizi   istituzionalmente affidati  all’agenzia regionale del diritto allo Studio. L’Università è nelle condizioni di poter ampliare l’offerta dei servizi avvalendosi delle professionalità manageriali presenti  all’interno della struttura, individuando nuove risorse  che diano un impulso alle iniziative di carattere culturali, ricreative, sportive e di sostegno concreto agli studenti che versano in condizioni economiche disagiate, ricorrendo all’erogazione di borse di studio e di altre tipologie economiche che promuovano la meritocrazia e la ricerca”.

Il componente del Senato Accademico, riconfermato alle recenti elezioni, auspica che l’iter avviato, si concluda con celerità. “Si da atto al Magnifico Rettore, Prof. Aldo Quattrone, – conclude Garofalo-  per l’impegno profuso, teso a  rilanciare le attività inerenti il diritto allo studio che troveranno piena attuazione con le strategie e i programmi che l’Ateneo andrà ad individuare, anche con la collaborazione di tutti noi rappresentanti”.

Sulla medesima linea si attesta la consulta studenti sulla questione Ardis Unicz. Filippo Savica, coordinatore della Consulta studenti “auspica che il tanto atteso trasferimento delle competenza avvenga al più presto possibile  in modo da dare definitivamente risposte concrete in termini di diritto allo studio, ai tanti studenti che annnualmente pagano la tassa regionale di 140 euro, ma che, oltre alle borse di studio, non ricevono nessun tipo di servizio”. 


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy