• Google+
  • Commenta
26 gennaio 2015

Jacques lacan spiegato dai Massimo Volume su iniziativa dell’Unisalento

Jacques lacan

Università del Salento – Jacques lacan spiegato dai Massimo Volume” Presentazione il 29 gennaio

Jacques lacan

Jacques lacan

Jacques Lacan spiegato dai Massimo Volume” di Mimmo Pesare (musicaos edizioni) è il libro che sarà presentato giovedì 29 gennaio 2015, alle ore 19 nella sala casting dei Cineporti di Puglia/Lecce (presso le Manifatture Knos, in via Vecchia Frigole 36 a Lecce), su iniziativa del centro di ricerca “Laboratorio di Studi Lacaniani” e del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’uomo dell’Università del Salento, con il sostegno di Apulia Film Commission. Dialogheranno col pubblico l’autore Mimmo Pesare, ricercatore di pedagogia generale e sociale e coordinatore del Laboratorio di Studi Lacaniani dell’Ateneo salentino, e l’editore Luciano Pagano.

Jacques Lacan spiegato dai Massimo Volume” di Mimmo Pesare

L’incontro sarà occasione per presentare la collana scientifica “Béance”, un nuovo contenitore editoriale (a cura del Laboratorio di Studi Lacaniani, con un comitato scientifico nazionale) per la pubblicazione di saggi che ruotano attorno al pensiero di Jacques Lacan, e che tenterà di costituire uno strumento divulgativo e un network libero e delocalizzato tra studiosi e giovani ricercatori che intendono condividere la comune passione per il campo lacaniano.

Al termine dell’incontro, in programma aperitivo sociale e dj-set a cura di Alessandro Perugino e Daniele Haze. L’iniziativa rientra nel programma di celebrazioni per i 60 anni dell’Università del Salento.

 Il libro su Jacques lacan

Jacques Lacan, psicoanalista e maestro del pensiero del Novecento. Colui che ha rivoluzionato la clinica freudiana, che ha riportato sul fulcro dell’inconscio le leve della psicoanalisi, che l’ha fatta interagire con la filosofia, con l’arte, con la letteratura. I Massimo Volume, band post-rock, che a partire dall’inizio degli anni Novanta hanno disegnato una originale parabola nella musica indipendente italiana, unendo alle raffinate partiture di chitarra, basso e batteria, le liriche recitate del suo song-writer, Emidio Clementi. In questo libretto dal titolo volutamente provocatorio si accostano due nomi apparentemente lontanissimi: quale potrebbe essere il senso di un accostamento a prima vista così azzardato? La scelta di un gruppo rock accanto al nome di Lacan, per quanto possa fare arricciare il naso ai più ortodossi, è dettata dalla convinzione che i testi delle canzoni dei Massimo Volume possano essere utili a fornire una proposta di lettura della questione lacaniana del soggetto (che rappresenta la questione centrale del libro) almeno quanto lo facciano i riferimenti scientifici più tecnici e la letteratura critica. I loro protagonisti, non sempre a loro agio, anzi spesso in continua passione e in perenne movimento interiore, sono soggetti allo stesso tempo deboli e titanici, che anche nelle piccolezze della quotidianità gridano il loro diritto a essere creature di linguaggio, parlesseri, direbbe Lacan. I versi dei Massimo Volume, allora, vengono utilizzati come specialissimi esergo per introdurre, a mo’ di suggestione evocativa, ognuno dei paragrafi dedicati a un aspetto della teoria lacaniana del soggetto.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy