• Google+
  • Commenta
17 febbraio 2015

PHD+: Unipi a lezione di creatività, innovazione e spirito imprenditoriale

Lezione PHD+ Unipi

Università degli Studi di Pisa – PHD+: a lezione di creatività, innovazione e spirito imprenditoriale. Cento nuovi allievi per la quinta edizione del corso promosso dall’Università di Pisa

Lezione PHD+ Unipi

Lezione PHD+ Unipi

Cento nuovi allievi per il PHD+, il percorso formativo promosso dall’Università di Pisa finalizzato a insegnare una serie di competenze rivolte alla diffusione dello spirito imprenditoriale, alla valorizzazione dei risultati della ricerca e, auspicabilmente, alla creazione di impresa. Studenti, laureandi, dottorandi e post doc hanno inaugurato l’edizione 2015 che prevede dodici seminari tenuti da relatori nazionali e internazionali provenienti dal mondo accademico, imprenditoriale, da enti locali o governativi e da finanziatori istituzionali e non su temi legati alla brevettazione, alla creazione di impresa, alla valorizzazione di sé e delle proprie idee, alla gestione dell’innovazione.

Dopo i saluti del prorettore vicario Nicoletta De Francesco e l’introduzione di Paolo Ferragina, prorettore per la Ricerca applicata e l’innovazione, si è svolta una tavola rotonda moderata da Gail Edmondson, Editorial Director di Science Business, con due ospiti d’eccezione, già allievi dell’Ateneo pisano: Benedetto Vigna, Executive Vice President e Direttore Generale della Divisione Analogici di MEMS e Sensori di STMicroelectronics, e Silvano Spinelli, Founder di EOS SpA. A Vigna si deve l’invenzione del sensore di movimento tridimensionale utilizzato nei comandi senza filo della console Wii di Nintendo. Il chimico Spinelli ha sviluppato Lucitanib, un antitumorale che si è dimostrato particolarmente efficace nel trattamento dei tumori al seno e nell’inibizione della formazione e crescita dei tumori dei reni e della tiroide.

Cos’è e quando nasce il PhD+

Lanciato nel 2011, il PhD+ ha contato oltre 500 iscritti tra studenti, dottorandi e dottori di ricerca provenienti da tutti i dipartimenti dell’Università di Pisa, mentre sono 29 gli speaker che hanno tenuto i seminari. L’approfondimento delle tematiche legate all’imprenditorialità unito alle competenze e alla creatività dei partecipanti, ha fatto sì che questi sviluppassero 26 progetti imprenditoriali durante lo svolgimento del corso. Ben 19 tra questi progetti si sono poi effettivamente trasformati in imprese e tra queste, quelle che hanno ottenuto l’accreditamento come spin-off d’Ateneo sono 11: Biobeats, Biocare Provider, e-SPres3D, Erre Quadro, Ingeniars, IVTech, Jos Technology, Next, Plasma Diagnostics & Technologies, QBRobotics e Quipu.

I progetti d’impresa che hanno preso vita all’interno del PhD+ hanno preso parte a diverse competizioni rivolte alle nuove idee di business conseguendo risultati eccellenti e conquistando complessivamente 37 premi. Grazie a questi, l’Università di Pisa è riuscita a primeggiare all’interno di importanti competizioni come la “Start Cup Toscana” o il “Premio Marzotto”.Il percorso del PhD+ si è inserito in modo estensivo all’interno delle attività afferenti il processo di trasferimento tecnologico dell’Università di Pisa, infatti il PhD+ ha partecipato attivamente a ben 3 progetti di ricerca dedicati alle tematiche della creazione d’impresa. Inoltre, si è sviluppato un legame anche tra le attività di brevettazione portate avanti dall’Ateneo e le start-up create all’interno del PhD+ e sono o ben 5 i brevetti posseduti dalle quest’ultime.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy