• Google+
  • Commenta
25 febbraio 2015

Tasse Università di Milano-Bicocca, riduzioni e più borse di studio

Università in affitto per fronteggiare la crisi

Università degli Studi di Milano – Bicocca – Università di Milano-Bicocca, meno Tasse Università di Milano-Bicocca e borse di dottorato più alte

Tasse Università di Milano-Bicocca

Tasse Università di Milano-Bicocca

Resta aggiornano sulle News in Materia Pensionistica e Lavorativa collegati alla Fan Page Controcampus

Università quanto mi costi? Studenti e famiglie prendono la calcolatrice: arrivano le nuove Scadenze e Tasse Universitarie 2015!

Taglio alle Tasse Università di Milano-Bicocca, incremento delle borse di dottorato e frazionamento delle rate da due a tre. Sono le novità approvate ieri dal Consiglio di amministrazione dell’Università di Milano-Bicocca. La misura è stata varata con l’accordo degli studenti.

Meno Tasse Università di Milano-Bicocca e più borse di studio

Meno 245 euro sulla tassa di iscrizione per chi ha un indicatore ISEE inferiore ai 5 mila euro e, in generale, retta più bassa per chi ha un indicatore fino a 35 mila euro. Lo ha deciso, nella seduta di ieri, il Consiglio di amministrazione dell’Università di Milano-Bicocca. A beneficiare della riduzione delle Tasse Università di Milano-Bicocca saranno circa 18 mila studenti. Nel dettaglio, dal prossimo anno accademico, non ci sarà più un importo minimo di contributi fisso per tutti, ma l’intera contribuzione sarà calcolata in base al valore ISEE (scarica il dettaglio delle aliquote divise per scaglioni).

La decisione, condivisa con i rappresentanti degli studenti in Consiglio di amministrazione e in Senato, e con l’unanimità del Consiglio degli Studenti, punta a ridurre l’importo delle Tasse Università di Milano-Bicocca per i redditi più bassi secondo una più razionale progressività della tassazione. L’intera manovra contributiva costerà all’Ateneo circa 2 milioni di euro.

Il Rettore Cristina Messa sulle Tasse Università di Milano-Bicocca

«Grazie al nuovo calcolo del finanziamento ordinario del MIUR, quest’anno riformulato per la prima volta anche in base ai costi standard dello studente – spiega Cristina Messa, rettore dell’Università di Milano-Bicocca-, abbiamo potuto rimodulare entità e modalità di rateizzazione delle Tasse Università di Milano-Bicocca, agevolando ulteriormente l’accesso all’Università degli studenti con redditi più bassi e diminuendo l’impatto economico sulle famiglie nei mesi di ingresso all’Università, quando è ancora alta la possibilità di ripensamento dell’indirizzo scelto e il costo dello studente per l’Ateneo è ancora minimo».

Le rate delle Tasse Università di Milano-Bicocca passano da due a tre: la prima prevede, entro il 30 settembre, il pagamento della tassa di iscrizione, mentre la seconda si paga sulla base dell’ISEE entro il 30 novembre ed è composta dai contributi e della tassa regionale. Entro il 15 maggio l’ultima tranche del pagamento, prevista solo se il totale dei contributi che lo studente deve versare all’Ateneo è superiore a 240 euro (cifra che rappresenta l’acconto sulle tasse pagato a novembre). In questo modo lo studente non dovrà più anticipare il pagamento dei contributi universitari per poi chiederne l’eventuale rimborso e, allo stesso tempo, le segreterie studenti non gestiranno più le attuali circa mille pratiche annue di esonero per reddito.

Candeloro Bellantoni sulle Tasse Università di Milano-Bicocca

«Abbiamo monitorato il flusso degli abbandoni – spiega Candeloro Bellantoni, direttore generale dell’Ateno – e abbiamo notato che ogni anno, circa 700 studenti, dopo aver pagato la prima rata di 600 euro, non ritirano nemmeno il tesserino universitario che viene distribuito a partire dalla metà di settembre. Con lo “spacchettamento” delle rate gli studenti che non intendono intraprendere gli studi possono uscire dal sistema universitario con il minor danno economico per le famiglie. Inoltre, frazionare il pagamento delle tasse si traduce, in generale, in un minor aggravio per le famiglie di tutti i nostri studenti».

E, sempre per andare incontro alle esigenze delle famiglie, il temporaneo blocco della carriera agli studenti che entro il 31 ottobre non presentano l’ISEE, o che non dichiarano di non volerlo presentare, funzionerà da “alert”. «In questo modo – aggiunge Candeloro Bellantoni – eviteremo alle famiglie degli studenti che dimenticano di presentare la dichiarazione ISEE, di dover poi pagare l’importo massimo della tassazione. Lo studente, quindi, può decidere di non presentare la dichiarazione ISEE, ma, se come succede in molti casi, dimentica di presentarla, il blocco della carriera funzionerà come un avviso e quindi a vantaggio di una maggiore trasparenza dell’azione amministrativa». 

Il Consiglio di amministrazione, sempre nella seduta di ieri, ha deciso di aumentare, già a partire dall’anno accademico in corso, l’importo delle borse di dottorato, che passano da 1.020,11 a 1.212,97 euro netti mensili, portando la borsa annuale dai 12.241,89 euro netti, previsti dalla legge ed erogati dalla quasi totalità degli atenei italiani, a 14.555,65 euro.

L’adeguamento dell’importo, condiviso con il comitato dottorandi dell’Università di Milano-Bicocca, graverà sui fondi dell’Ateneo anche per le borse a finanziamento esterno.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy