• Google+
  • Commenta
31 marzo 2015

Nuova sonda per esplorare le coronarie alla cardiologia Unicz

Sonda per esplorare le coronarie

Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro – Una nuova sonda per esplorare le coronarie a disposizione della cardiologia universitaria di Catanzaro diretta dal prof. Ciro Indolfi

Sonda per esplorare le coronarie

Sonda per esplorare le coronarie

Per la prima volta in Italia, la Cardiologia dell’Università di Catanzaro, diretta dal Prof. Ciro Indolfi, ha usato un nuovo catetere che esplora le arterie coronarie e che consente la precisa localizzazione del punto da trattare.

Questa avanzatissima attrezzatura tecnologica e sonda per esplorare le coronarie, a disposizione dei pazienti calabresi, è stata utilizzata su un giovane affetto da una diffusa e severa malattia coronarica ed ha consentito il trattamento mirato e preciso della stessa patologia.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte in Italia ed in Calabria. Pertanto è necessario potenziare la diagnosi precoce ed il trattamento tempestivo di tutte le patologie che interessano il cuore e le arterie. La coronarografia, cioè la visualizzazione delle arterie coronarie mediante iniezione di mezzo di contrasto, ha consentito il trattamento della cardiopatie ischemiche mediante by-pass aortocoronarico e mediante angioplastica con impianto di protesi chiamate stent.

Il Prof. Ciro Indolfi sulla nuova sonda per esplorare le coronarie

“Sono particolarmente soddisfatto della scelta, da parte dei ricercatori inglesi che hanno scoperto questa nuova tecnica di misurazione intracoronarica della pressione, di affidare alla Cardiologia del Campus Universitario di Catanzaro il primo uso in Italia di tale tecnologia innovativa”– ha affermato il Prof. Ciro Indolfi, Direttore della Cardiologia Universitaria dell’Ateneo Magna Graecia di Catanzaro. “Da anni abbiamo focalizzato i nostri sforzi sull’innovazione e la ricerca nel campo delle malattie cardiovascolari. La nostra Cardiologia – ha proseguito il Prof. Ciro Indolfi – è stata la prima unità operativa pubblica della regione che ha iniziato il trattamento dell’infarto miocardico con lo stent. Poi abbiamo introdotto in Calabria il trattamento della malattia valvolare aortica con l’impianto percutaneo di valvola, siamo attualmente l’unico centro della Calabria (e uno dei pochi in Italia) che effettua il trattamento percutaneo della valvola mitralica e che effettua ablazioni delle aritmie cardiache con la tecnica Carto 3D”.

“Risultati non da poco – ha concluso il Prof. Ciro Indolfi – se si tengono in considerazione le grandi difficoltà ambientali e legate al piano di rientro di una Regione del sud. Ciò nonostante possiamo dire di essere riusciti a costruire una delle migliori Cardiologie del Paese”.

Questa innovazione si aggiunge, infatti, alle altre importanti tecnologie oggi disponibili nella Cardiologia del Campus dell’Università di Catanzaro. Ovviamente il servizio offerto agli utenti ha una grande ricaduta sociale perché i Calabresi non hanno più la necessità di emigrare, come avveniva nel passato, in altre regioni per sottoporsi con tranquillità a procedure di Cardiologia Interventistica.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy