• Google+
  • Commenta
29 aprile 2015

Minori OnLine: diritti e sicurezza nella ricerca Università Cattolica

Pedofilia online

Università Cattolica del Sacro Cuore – Dritti e sicurezza dei minori online. In Cattolica una ricerca e una lectio magistralis

Minori OnLine

Minori OnLine

Martedì 5 maggio Sonia Livingstone terrà una lectio magistralis sul tema Do children have digital rights? Arguments for and against e verranno illustrati i dati italiani del progetto europeo Net children go mobile sulle tematiche dei minori OnLine.

Sonia Livingstone è l’ospite speciale di due eventi in Università Cattolica martedì 5 maggio.

La docente, ordinario di Psicologia sociale della London School of Economics and Political Science, terrà la lectio cathedrae magistralis della facoltà di Scienze politiche e sociali sul tema Do children have digital rights? Arguments for and against.

A seguire interverrà all’incontro Diritti e sicurezza dei minori online: lo stato dell’arte della ricerca e delle politiche, in cui verranno presentati i dati italiani del progetto europeo Net children go mobile.

Nella Cripta dell’Aula Magna in largo Gemelli 1 a Milano alle 14.30, dopo i saluti del rettore Franco Anelli e del preside della facoltà di Scienze politiche e sociali, Guido Merzoni, introdurrà il professor Fausto Colombo, docente di Teoria della comunicazione e dei media, e seguirà la lectio magistralis di Sonia Livingstone.

La Livingstone è stata visiting professor presso numerose università nel mondo tra cui Bergen, Copenhagen, Harvard, Illinois, Milano, Oslo, Paris II, Stoccolma. E’ noto il suo impegno nella promozione dei diritti e della sicurezza dei minori OnLine e ha diretto molti progetti di ricerca internazionali tra cui quello del network EU Kids Online, finanziato dalla Commissione Europea.

Minori OnLine; La lectio magistralis alla Cattolica di Milano

La lectio magistralis sui minori online verterà sul tema dei diritti digitali dei minori da una prospettiva critica, comparativa e child-centered. La presenza dei media digitali nella vita di bambini e ragazzi è ormai pervasiva nei paesi occidentali e in forte crescita nei paesi emergenti. Nell’ultimo decennio le ricerche su internet e i minori hanno rivelato come, più i ragazzi usano internet, maggiori sono le loro competenze digitali e le opportunità online di cui beneficiano. L’accesso alle opportunità e alla digital literacy è tuttavia ancora fortemente stratificato in base a età, genere, status socio-economico e contesto socio-culturale. I ragazzi inoltre sono esposti anche a una varietà di rischi online. Stupisce quindi l’assenza dei minori dal dibattito contemporaneo sui diritti digitali e dalle carte dei diritti che stanno nascendo in molti paesi.

Restando nell’ambito dell’uso che i bambini fanno di internet, nell’Aula Maria Immacolata di largo Gemelli alle 16.30, Sonia Livingstone interverrà insieme ad altri esperti sul tema Diritti e sicurezza dei minori online: lo stato dell’arte della ricerca e delle politiche.

All’incontro sui minori online, che verrà introdotto da Piermarco Aroldi, direttore di OssCom della Cattolica, parteciperanno anche Giovanna Mascheroni, ricercatrice di OssCom e di Sociologia alla facoltà di Scienze politiche e sociali, che presenterà gli ultimi dati di ricerca italiani del progetto europeo Net Children Go Mobile, Stephane Chaudron del Joint Research Centre della Commissione Europea che parlerà della socializzazione ai media digitali tra i bambini di 0-8 anni, Marzia Calvano del MIUR che presenterà le linee guida per contrastare il bullismo e cyberbullismo e discuterà delle politiche per un internet sicuro.

Nella ricerca Net Children Go Mobile risulta particolarmente in crescita la privatizzazione dell’accesso ad internet (69% nel 2014 rispetto al 62% del 2010). Infatti i ragazzi italiani accedono sempre più spesso a internet dalla propria camera, e lo fanno da un dispositivo personale come lo smartphone. Si è, infatti, passati dal 4% nel 2010 al 38% nel 2014. In Italia il tablet, che all’estero è utilizzato in modo più personale, è piuttosto uno strumento della famiglia.

Cosa fanno i ragazzi italiani e i minori online? Usano i social network, in particolare Facebook il cui uso è cresciuto in tutte le fasce di età, tranne che tra i 9 e 10 anni. Nel 2014 il 96% dei 13-14enni ha dichiarato di avere un profilo mentre nel 2010 era solo il 68%, e per i 15-16enni si è passati dall’80% al 93%. E’ in aumento anche l’uso di Whatsapp e Instagram. I ragazzi inoltre producono e si scambiano video e immagini, e condividono sempre più i compiti in internet (10% nel 2010, 34% nel 2014).

Il progetto Net Children Go Mobile è co-finanziato dal Safer Internet Programme della Commissione Europea per indagare, attraverso metodi quantitativi e qualitativi, se le mutate condizioni di accesso e uso di internet aumentino o riducano i rischi che i ragazzi incontrano online, o li espongano a nuove esperienze rischiose. E’ stato somministrato un questionario faccia a faccia (autocompilato per le domande sensibili) in contesto domestico a 2.500 ragazzi utenti internet tra i 9 e i 16 anni e ai loro genitori in Danimarca, Irlanda, Italia, Regno Unito e Romania. Il campione è rappresentativo dei ragazzi di 9-16 anni che usano internet. I paesi partecipanti sono: Danimarca, Italia, Regno Unito, Romania, Belgio, Irlanda e Portogallo. Il report “Net Children Go Mobile: il report italiano è online all’indirizzo Net children go mobile.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy