• Google+
  • Commenta
6 luglio 2015

Lucio d’Alessandro confermato Rettore Suor Orsola Benincasa

Lucio d'Alessandro

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa – Napoli – Lucio d’Alessandro confermato alla guida dell’Università Suor Orsola Benincasa fino al 2019

Lucio d'Alessandro

Lucio d’Alessandro

L’apertura del Centro di Ricerca Scienza Nuova, la nuova sede nei Quartieri Spagnoli e l’apertura del Polo Culturale della Cappella Pignatelli sono le prossime sfide

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli ha confermato Lucio d’Alessandro alla guida dell’Ateneo per i prossimi quattro anni.

Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa dal Maggio del 2011, e dall’anno scorso anche Vicepresidente della CRUI, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, inizierà, quindi, formalmente il 1 Novembre 2015 il suo secondo mandato alla guida del Suor Orsola, università nella quale negli ultimi vent’anni ha fondato il corso di laurea in Scienze della comunicazione, il corso di laurea in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva, la prima Scuola di Giornalismo del Mezzogiorno peninsulare, la Scuola di Cinema e Televisione e il primo Master italiano specificamente dedicato alla Promozione, valorizzazione e riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Il lavoro di Lucio d’Alessandro al Suor Orsola Benincasa

Lo sviluppo della ricerca e la crescita dell’internazionalizzazione tra i risultati più brillanti del primo quadriennio

“I primi quattro anni di lavoro – racconta d’Alessandro – nonostante la crisi economica che ha investito il Paese e i tagli sempre più consistenti del finanziamento pubblico destinato al sistema universitario, sono stati segnati da un grande potenziamento delle attività di ricerca scientifica nei tanti ambiti delle scienze umane in cui l’Università Suor Orsola Benincasa opera con centri di eccellenza e percorsi di alta formazione: penso, ad esempio, alla nascita del Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea e del Centro di Ateneo per la Ricerca educativa. E non a caso l’ANVUR, l’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema universitario e della ricerca, ha collocato il nostro Ateneo nel ristretto novero delle università italiane alle quali è stata riconosciuta una valutazione di eccellenza della ricerca”.

Risultati importanti che, come spiega Lucio d’Alessandro, “sono riusciti ad essere ulteriormente valorizzati grazie a un notevole sviluppo del processo di internazionalizzazione dell’Ateneo, che ci ha portato ad avere oggi oltre centro partenariati e collaborazioni con altre Università di tutto il mondo: dal Canada alla Cina, dagli Stati Uniti all’Argentina, dall’Australia ai Paesi emergenti dell’Est Europa”.

I numeri in crescita del Placement e lo sviluppo delle Start Up

“Ma l’impegno a cui sono più legato per quanto fatto e per quanto vorremo fare – spiega d’Alessandro – è quello per il lavoro dei giovani che formiamo. Ce lo chiedono – a ragione – le famiglie, ce lo chiede il territorio. Di qui i molti indirizzi formativi fortemente professionalizzanti, condotti spesso in sinergia con le più solide e vivaci realtà aziendali del Paese, che nei nostri corsi di studio affiancano i percorsi più tradizionali; di qui il forte investimento sul servizio di Job Placement e i numerosi progetti che supportano i nostri laureati nella creazione di nuove imprese”.

Tre nuove sfide per il prossimo quadriennio da Rettore

Quanto alle nuove “imprese”, ce ne sono soprattutto tre a cui il Rettore Lucio d’Alessandro guarda per il prossimo futuro. La più imminente sarà l’apertura del nuovo Centro di Ricerca Scienza Nuova, che già lavora in forma laboratoriale da alcuni anni, e che rappresenterà nel cuore del centro della città di Napoli, in via Chiaia, un presidio fisico di best practices nel settore delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali.

Il futuro dell’Università Suor Orsola Benincasa per il Rettore Lucio d’Alessandro

Ma, come anticipa il Rettore Lucio d’Alessandro, “ci saranno altri due punti nevralgici della città nei quali il Suor Orsola vuole impiantare nuovi presidi di cultura e formazione, nella consapevolezza che le istituzioni formative non debbano stare chiuse tra le proprie mura né in senso metaforico né in senso fisico”. E allora innanzitutto il Suor Orsola continuerà nel suo presidio fisico e culturale dei Quartieri Spagnoli, iniziato più di vent’anni orsono nel Complesso di Santa Caterina da Siena, anche con una nuova sede nel Complesso della Santissima Trinità delle Monache all’intero degli spazi dell’ex Ospedale Militare.

E poi l’Ateneo napoletano, la cui Facoltà di Lettere è divenuta negli anni una vera e propria “Casa dei Beni Culturali” con percorsi di eccellenza nella conservazione e nel restauro dei beni culturali, nell’archeologia, nella storia dell’arte e nel moderno management del turismo culturale, riporterà alla luce anche uno dei più antichi e preziosi tesori del centro storico della città: la cappella di Santa Maria dei Pignatelli, uno dei gioielli della Napoli del Rinascimento, destinata, come anticipa il Rettore, “dopo il restauro condotto dall’Ateneo (che l’ha ricevuta in donazione dalla famiglia Pignatelli) a divenire la Porta del “Centro storico di Napoli – sito Unesco”, per introdurre i turisti, ma anche i napoletani e gli studenti delle scuole, alla conoscenza della città e per guidarli ai monumenti e ai percorsi culturali attraverso il centro antico”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy