• Google+
  • Commenta
30 ottobre 2015

Giovanni Berlucchi riceve premio alla carriera alla Cattolica

Giovanni Berlucchi

Allo scienziato Giovanni Berlucchi premio alla carriera in Neuroscienze cognitive 2015

Giovanni Berlucchi

Giovanni Berlucchi

In occasione dell’inaugurazione della nuova edizione, il Master in Neuropsicologia conferisce venerdì 6 novembre il Premio alla carriera allo scienziato che ha avvicinato neurofisiologia e neuropsicologia

Venerdì 6 novembre in Università Cattolica del Sacro Cuore lo scienziato e neurofisiologo Giovanni Berlucchi riceverà il Premio alla carriera in Neuroscienze cognitive dal Master in Neuropsicologia: valutazione, diagnosi e riabilitazione, in occasione dell’inaugurazione della VI edizione (via Carducci 28/30, Milano, ore 10.30).

E’ la prima volta che il master conferisce un Premio alla carriera ed è stato scelto uno scienziato di fama internazionale per l’elevato contributo apportato attraverso la sua attività scientifica e didattica.

La ricerca di Giovanni Berlucchi si è svolta per oltre 50 anni al confine tra neurofisiologia e neuropsicologia sperimentale.

E’ stato tra i primi in Italia a sostenere l’importanza dell’interazione scientifica fra i rappresentanti della neurofisiologia classica da una parte, e i neuropsicologi clinici e sperimentali dall’altra. “

Neurofisiologo delle funzioni superiori” – così egli stesso si definisce -, Berlucchi ha condotto alla collaborazione due discipline nate da principi ispiratori diversi. In effetti, cosa sono le percezioni, le memorie, le emozioni se non funzioni, anzi le funzioni più interessanti, del sistema nervoso?

E, come sostiene un recente saggio di Berlucchi con Salvatore Aglioti, intitolato Neurofobia (Cortina Editore, 2013), non è forse il cervello con le sue funzioni cosiddette mentali il fondamento primo della nostra individualità?

Giovanni Berlucchi: differenze funzionali fra gli emisferi cerebrali di soggetti umani intatti

Berlucchi è stato fra i primi, insieme a Giacomo Rizzolatti e Carlo Umiltà, ad utilizzare la tecnica dei tempi di reazione per dimostrare l’esistenza di differenze funzionali fra gli emisferi cerebrali di soggetti umani intatti. Il loro lavoro, pubblicato nella rivista Brain nel 1971, ha rivelato che la tecnica era in grado di rivelare la superiorità dell’emisfero sinistro nel riconoscimento di lettere e quella dell’emisfero destro nel riconoscimento di facce. Una scoperta fondamentale che ha consentito di individuare successivamente nell’emisfero sinistro proprietà “seriali” (pensiero analitico, logica, linguaggio, scienza, matematica, razionalità) e nell’emisfero destro proprietà “in parallelo” (visione olistica, intuizione, creatività, arte, musica, spiritualità).

Questo studio è considerato un classico della letteratura neuropsicologica (e neurofisiologica) internazionale poiché ha aperto la via ad una lunga serie di indagini sulla trasmissione di informazioni da parte del corpo calloso e sulle differenze emisferiche nel cervello umano normale, a sostegno e complemento dei reperti sui pazienti cerebrolesi.

Altri contributi sperimentali di Berlucchi riguardano la fisiologia del ciclo sonno-veglia, le basi corticali e sottocorticali della percezione e dell’attenzione visiva, e la neurofisiologia della consapevolezza del proprio corpo, nel solco dell’insegnamento dei suoi illustri mentori scientifici: Giuseppe Moruzzi della Università di Pisa, Roger W.Sperry del California Institute of Technology e James M.Sprague della University of Pennsylvania.

Master in Neuropsicologia: valutazione, diagnosi e riabilitazione

Il Master di secondo livello è promosso dall’Alta Scuola di Psicologia “Agostino Gemelli” e forma figure professionali con le competenze necessarie per la diagnosi e la valutazione del funzionamento mentale normale e patologico, rispetto alle principali funzioni cognitive, emotive e prassiche,  proponendo un approccio innovativo e un focus sull’integrazione del percorso formativo con una sezione specifica dedicata alla formazione nell’ambito della neuropsicologia clinica e della riabilitazione neuropsicologica.

Il Master fornisce anche conoscenze pratiche riguardo alle metodiche di bio-immagine (TAC, MRI, fMRI, NIRS, PET), il trattamento del segnale bioelettrico e magnetico cerebrale (EEG, ERPs, MEG), la stimolazione cerebrale non invasiva (TMS, TDCS). I diversi professionisti coinvolti nella docenza (psicologi, medici, fisioterapisti, logopedisti) consentono di sviluppare una interdisciplinarietà che rappresenta un punto di forza per chi opera nel settore.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy