• Google+
  • Commenta
1 febbraio 2016

Docenti arrestati in Turchia, accusati di terrorismo: appello di Unitn

Protesta dei Docenti arrestati in Turchia

Docenti arrestati in Turchia, accusati di terrorismo: l’appello dell’Università di Trento che si unisce alle Università Italiane.

Protesta dei Docenti arrestati in Turchia

Protesta dei Docenti arrestati in Turchia

Democrazia, libertà di pensiero e di critica: l’Ateneo esprime solidarietà ai docenti arrestati in Turchia, colleghi e delle università accusati dal governo turco di propaganda terroristica.

Anche l’Università degli Studi di Trento si unisce all’appello che da alcuni giorni circola in rete, tra atenei e centri di ricerca di tutta Europa, per protestare contro le accuse mosse dal governo turco nei confronti di alcuni accademici. I docenti universitari sono stati sollevati dall’incarico e arrestati con l’accusa di propaganda terroristica per aver aderito ad un appello che chiedeva una soluzione pacifica alla questione curda.

L’Ateneo trentino – su invito della prorettrice per le politiche di equità e diversità, Barbara Poggio – ha incoraggiato la comunità accademica trentina ad aderire all’appello lanciato in rete dall’Ufficio Informazione del Kurdistan in Italia. «Come Università di Trento – si legge nel messaggio indirizzato ai docenti dell’Ateneo – esprimiamo preoccupazione per questi gravi fatti e manifestiamo la nostra solidarietà alle colleghe e ai colleghi delle Università turche. Invitiamo tutti a sottoscrivere l’appello per la difesa di quel valore fondamentale che è la libertà d’espressione. Un valore che trova fondamento in ogni Paese che si possa definire democratico».

L’appello delle Università Italiane a favore dei dodici docenti arrestati in Turchia

Già numerose le adesioni arrivate in questi giorni, sia da parte di singoli, sia unitariamente a livello di dipartimenti e centri di ricerca. È il caso di Sociologia e Ricerca sociale, i primi a far sentire la propria voce: «I docenti del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale – recita la mozione approvata nell’ultimo Consiglio – fanno propria la presa di posizione dell’Ateneo in solidarietà con i colleghi turchi firmatari dell’appello per una soluzione pacifica della questione curda. Esprimono profonda preoccupazione per le misure repressive e intimidatorie assunte dal governo e da varie autorità accademiche nei loro confronti. Licenziamenti, provvedimenti disciplinari, incarcerazioni dettate da motivazioni ideologiche e politiche contraddicono l’essenza dei valori democratici di libera espressione del pensiero, della critica e del dissenso. Tali misure costituiscono un affronto alla funzione pubblica del mondo della cultura e della ricerca e appaiono particolarmente inaccettabili a fronte della richiesta della Turchia di adesione all’Unione Europea. Nel confermare la solidarietà ai colleghi turchi, i docenti del Sociologia e Ricerca sociale invitano la Consulta dei direttori, il Senato accademico ed il rettore a farsi promotori di un’iniziativa coordinata tra le Università italiane presso le istituzioni europee: occorre che queste premano sul governo turco perché receda dalla sua condotta liberticida, al fine di consentire e garantire la libera collaborazione tra le istituzioni universitarie secondo i principi di circolazione delle idee e della critica». Ecco il link per sottoscrivere l’appello a favore dei docenti arrestati.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy