• Google+
  • Commenta
29 febbraio 2016

Oleodinamica Fluid Power: master Università di Modena e Reggio Emilia

Master Oleodinamica Fluid Power
Master Oleodinamica Fluid Power

Master Oleodinamica Fluid Power

Master in Oleodinamica – Fluid Power all’Università di Modena e Reggio Emilia: ecco come funziona, come iscriversi e partecipare.

Un master altamente professionalizzante che porta nelle maggiori imprese del settore. Aperto il bando per il master universitario interdipartimentale di secondo livello in Oleodinamica Fluid Power. Giunto alla ottava edizione accoglierà un massimo di 20 iscritti. E’ un’iniziativa congiunta del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” e del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, nonché di CNR-Imamoter di Ferrara.

Un Master di secondo livello in Oleodinamica Fluid Power che porta dritto nella maggiori imprese del settore e quasi sempre per restarci, con una specializzazione altissima e un lavoro di qualità. E’ la risposta dei Dipartimenti di ingegneria di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ad uno dei maggiori problemi delle imprese del territorio e cioè quello di avere a disposizione non solo ingegneri ben preparati, ma ingegneri iperspecializzati nel seguire alcune lavorazioni specifiche.

In questo caso di tratta del settore dell’oleodinamica molto presente nel nostro sistema industriale, con una forte tradizione manifatturiera e, soprattutto, con tante aziende innovative e proiettate verso l’estero.

Il master in Oleodinamica e Fluid Power all’Università di Modena e Reggio Emilia

L’oleodinamica – Fluid Power, oggetto dell’omonimo Master di Ingegneria giunto ormai all’ottava edizione, è una delle più importanti tecnologie utilizzate nell’industria, tanto in applicazioni mobili (automobili e veicoli in genere, macchine agricole, macchine edili e di movimentazione materiali) quanto in applicazioni fisse e speciali (presse idrauliche, macchine automatiche per il confezionamento, impianti eolici, piattaforme marine, simulatori di volo).

Tutte le aziende più importanti (sia produttrici di componenti e sistemi oleoidraulici che  utilizzatrici dei relativi prodotti)  hanno un elevato fabbisogno delle figure formate dal Master e sono fortemente motivate ad inserire i partecipanti all’interno della propria organizzazione al termine del percorso di formazione.

Il Master, aperto ad un massimo di 20 iscritti, è diretto dal prof. Massimo Borghi del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” – DIEF che spiega: “Operiamo in collaborazione con altri atenei importanti e accogliamo neolaureati da tutta Italia. L’obiettivo è di formare figure professionali con elevate conoscenze e competenze tecnico/specialistiche finalizzate ad un impegno immediato nelle aziende. Il Master, infatti, è costruito per rispondere alle esigenze delle imprese in termini di progettazione, sperimentazione, ricerca e sviluppo di macchine, componenti e sistemi oleodinamici per la trasmissione di potenza via fluido, con particolare attenzione all’utilizzo dell’elettronica. Puntiamo a confermare i risultati delle edizioni precedenti in termini di qualità e di sbocchi occupazionali, con il 90% degli allievi assunti da aziende del settore e l’80% presso le imprese che hanno ospitato lo stage”.

Per i partecipanti sono previsti benefici significativi: la sicura partecipazione allo stage di 3 mesi in una delle aziende del settore tra quelle che sostengono il Master; la possibilità di fruire di un rimborso spese nel periodo di stage; alloggi a costo agevolato per gli allievi residenti fuori sede grazie a un accordo tra Fondazione Democenter e Comune di Modena. Ma a far testo sono soprattutto i nomi delle aziende che sostengono il Master e che ospiteranno gli stage: Bosch Rexroth Oil Control, Cnh industrial, Hydrotechnik (germania), Manitou, Bucher Hydraulics, Casappa, Hydrocontrol, Walvoil, Hp Hydraulic (gruppo bondioli & pavesi), Poclain Hydraulics, Bonfiglioli riduttori, Blb Hydraulics, Manuli Rubber Industries, Safim, Atlantic Fluid Tech.

Le domande di partecipazione vanno presentate entro le ore 13.30 di lunedì 15 marzo 2016

La sede del Master sarà il Dipartimento  di Ingegneria “Enzo Ferrari” in via Vivarelli 10 a Modena.


© Riproduzione Riservata