Fav
  • Google+
  • Commenta
25 giugno 2006

Eroi del nuovo millennio: il pubblicista

Il pubblicista è un eroe. Di certo. Per chi non conoscesse la categoria, questa è la volta buona per fare un’amicizia che duri tutta

Il pubblicista è un eroe. Di certo. Per chi non conoscesse la categoria, questa è la volta buona per fare un’amicizia che duri tutta la vita. Di un pubblicista potrete innamorarvi: è pieno di qualità. Da dove arriva questa sicurezza? Prima di tutto facciamo un passo indietro, e torniamo nel 1993. Precisamente all’articolo 1 della legge 69/1993. E’ qui che si è definito il pubblicista “colui che svolge attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercita altre professioni o impieghi”. In altre parole: il pubblicista scrive, e tanto, non occasionalmente. Ma di questo solo non campa. Mentre il giornalista vero e proprio gode della professionalità esclusiva, il pubblicista può, ma soprattutto deve trovarsi qualcos’altro mentre scrive. Non per niente i pubblicisti sono ragazzi con la passione del giornalismo che, mentre si fanno le ossa per quello che è in effetti un sogno, si cimentano nei lavori più svariati. Infatti, non meno importante è il fattore retribuzione, o fattore $. Tale attività non occasionale deve essere debitamente documentata anche in caso di firma anonima o pseudonima, dai famigerati “cedolini”. Queste ricevute per la prestazione effettuata incutono terrore nel giovane pubblicista, e sono per lui un ulteriore calvario. Non solo è difficile ottenerle – e quindi evitare di lavorare senza vedersi riconosciuta l’attività, ma pretenderne una gestione temporalmente precisa è del tutto impossibile. Da non dimenticare: per alcuni cavilli burocratico/economici che vedono l’Inps e l’Inpgi fare scaramucce sulla traduzione economica del termine “lavoro occasionale”, la retribuzione ritenuta valida oscilla tra i 13 ed i 41 euro ad articolo. Il che, moltiplicato per il minimo storico di articoli utili a diventare pubblicista (40, ma il totale varia da regione a regione), significa tra 520 e 1640 euro in due anni. Ulteriore conferma all’ipotesi che il pubblicista debba arrotondare. Parecchio. Non da ultimo, ammesso e non concesso che il sogno del pubblicista sopravviva alla giungla di sciacalli della carta stampata, l’albo dei giornalisti gli perdona l’ingenuità: riconoscendo che siano valide “pubblicazioni di qualsivoglia contenuto e frequenza”. Il che significa, in parole povere, che il nostro pubblicista è autorizzato a cimentarsi nelle più assurde trovate editoriali, e debba sottoporsi alle peggiori argomentazioni, se non trova di meglio. Ovvio che sia un reporter. Certo che va a caccia della notizia. Però deve scrivere praticamente gratis. Per mantenersi deve trovare un altro lavoro. Può darsi che gli mettano i bastoni fra le ruote. Ma per lui è la passione a prevalere. Il pubblicista è un eroe.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy