• Romano
  • Valorzi
  • Chelini
  • Boschetti
  • De Leo
  • Pasquino
  • Barnaba
  • Gnudi
  • Miraglia
  • Bruzzone
  • Romano
  • Buzzatti
  • Alemanno
  • Cocchi
  • Andreotti
  • Rossetto
  • Falco
  • Gelisio
  • Meoli
  • De Luca
  • Catizone
  • Scorza
  • Santaniello
  • Quaglia
  • Cacciatore
  • Algeri
  • Crepet
  • di Geso
  • Ward
  • Rinaldi
  • Paleari
  • Quarta
  • Mazzone
  • Napolitani
  • Grassotti
  • Casciello
  • Leone
  • Dalia
  • Baietti
  • Califano
  • Coniglio
  • Bonetti
  • Bonanni
  • Liguori
  • Tassone

Roma Tre insegna l’arteterapia

20 Giugno 2006

L’Ufficio Politiche per gli Studenti dell’Università di Roma Tre propone, nell’ambito delle attività di “Orientamento in itinere”, u L’Ufficio Politiche per gli Studenti dell’Università di Roma Tre propone, nell’ambito delle attività di “Orientamento in itinere”, un ciclo di laboratori di arteterapia dal titolo “Percorsi: l’Io e l’Arte”, coordinato dalla Dott.

ssa Ursula Mainardi, arteterapista, operatrice teatrale e vocale. Dal 20 giugno fino al 13 luglio, nell’aula 26 della Facoltà di Lettere e Filosofia, gli studenti avranno l’opportunità di capire come diversi linguaggi artistici, quali il movimento, il teatro, la creta, la voce, la musica e i suoni, possano rivelarsi degli strumenti utili ad esplorare le proprie possibilità espressive, a giocare, ad ascoltare, ad entrare in contatto con gli altri attraverso un’esperienza individuale e di gruppo, che nasce dal corpo e dall’immaginazione. L’obiettivo del corso è quello di proporre percorsi e laboratori in cui i processi creativi e le esperienze immaginativo-corporee siano strumenti di ascolto, contatto e integrazione della persona. Il primo incontro riguarderà il corpo e le sue peculiarità di movimento e percezione attraverso l’espressione e lo spazio.
Per la partecipazione è richiesta l’iscrizione, fino a un massimo di 12 studenti. I laboratori sono rivolti a tutti gli iscritti di Roma Tre, ai quali non è richiesta alcuna preparazione di base o esperienza nel campo dell’arte. Un unico consiglio: vestirsi di abiti comodi.

© Riproduzione Riservata