• Bonanni
  • Valorzi
  • De Leo
  • Califano
  • Baietti
  • Casciello
  • Liguori
  • Mazzone
  • Ward
  • di Geso
  • Bonetti
  • Miraglia
  • Carfagna
  • Tassone
  • Meoli
  • Bruzzone
  • Alemanno
  • Cocchi
  • Coniglio
  • Dalia
  • Boschetti
  • Romano
  • Andreotti
  • Romano
  • Leone
  • Chelini
  • Pasquino
  • Buzzatti
  • Rinaldi
  • Santaniello
  • Crepet
  • Quaglia
  • Cacciatore
  • Napolitani
  • Algeri
  • Catizone
  • Gnudi
  • Falco
  • Gelisio
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Quarta
  • Grassotti
  • De Luca
  • Scorza
  • Paleari

1400: il numero verde per l’emergenza caldo

13 Luglio 2006

Nell’ambito delle iniziative di prevenzione ed informazione alla popolazione ed agli operatori socio-sanitari, il Ministero della Salute, visto il Nell’ambito delle iniziative di prevenzione ed informazione alla popolazione ed agli operatori socio-sanitari, il Ministero della Salute, visto il perdurare delle condizioni climatiche caratterizzate da temperature molto alte, ha istituito il ‘numero verde 1400’ per l’emergenza caldo: sarà operativo da venerdì 14 luglio, attivo 7 giorni su 7, dalle 8 alle 20 e garantirà risposte immediate su tutte le tematiche riguardanti gli effetti sulla salute del calore eccessivo, con particolare attenzione ai soggetti più a rischio.

“Dall’esperienza degli ultimi anni – ha sottolineato il Ministro della Salute Livia Turco – abbiamo capito che l’informazione e la comunicazione costante tra i soggetti preposti all’assistenza socio-sanitaria è la chiave vincente per rendere più agile ed efficiente la rete di prevenzione dei rischi sanitari conseguenti a queste ondate di calore che, ormai abitualmente, attraversano il nostro Paese con particolare evidenza nelle aree urbane”. Su questa linea il Ministero rilancia il ruolo fondamentale dell’informazione “attraverso una nuova convenzione con la Rai per un’informativa quotidiana alle ore 7.50 nell’ambito della trasmissione televisiva Uno Mattina, dove diversi esperti offrono consigli su come prevenire gli effetti dannosi per la salute conseguenti al caldo eccessivo e su quali precauzioni osservare con particolare riferimento agli ambienti di vita, di lavoro e alle condizioni delle persone più esposte ai rischi delle ondate di calore”.

© Riproduzione Riservata