• Carfagna
  • Santaniello
  • Meoli
  • Chelini
  • Tassone
  • Mazzone
  • Catizone
  • Cacciatore
  • Dalia
  • Bonanni
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Rinaldi
  • Alemanno
  • Grassotti
  • Falco
  • Miraglia
  • Scorza
  • Andreotti
  • Bruzzone
  • De Leo
  • Coniglio
  • Romano
  • Barnaba
  • De Luca
  • Bonetti
  • Gnudi
  • Valorzi
  • Gelisio
  • Quarta
  • Liguori
  • Paleari
  • Baietti
  • Califano
  • Casciello
  • Romano
  • Pasquino
  • Leone
  • Algeri
  • di Geso
  • Rossetto
  • Napolitani
  • Crepet
  • Ward
  • Quaglia
  • Cocchi

Un rito chiamato Arte con l’Università degli studi di Roma Tor Vergata

Antonietta Amato 12 Luglio 2006
A. A.
23/07/2021

Un rito chiamato Arte, fino al 22 ottobre 2006 il centro Congressi Villa Mondragone ospiterà la mostra artistico-antropologica RTa: Sciamani in Eurasia: il rito che sopravvive.

Una interessante raccolta di oggetti rituali e musicali, documenti testuali e audiovisivi riguardanti le cerimonie, fotografie e costumi originali, attrezzeria ed altro ancora che faranno ripercorrere allo spettatore, la storia di un affascinante popolo come gli Sciamani.

La mostra è organizzata in collaborazione con l’Università degli studi di Roma Tor Vergata e del ministero dei Beni culturali.

Un rito chiamato Arte con l’Università degli studi di Roma Tor Vergata

L’allestimento è il risultato di una ricerca ventennale condotta nelle aree del Nepal, Mongolia e Asia Sud orientale osservate dal prof. Romano Mastromattei, ordinario di Antropologia Culturale dell’università Tor Vergata di Roma. È possibile visitarla dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.00 alle16.00 ed il Sabato e la Domenica dalle ore 17.00 alle 21.00 nei mesi di Giugno e Luglio e dalle ore 16.00 alle 20.00 nei mesi di Settembre e Ottobre. È prevista una chiusura estiva dal 5 al 27 Agosto.

Per ulteriori informazioni è costi, è possibile visitare il sito http://www.villamondragone.it.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto