• Google+
  • Commenta
23 giugno 2010

Università di Parma: L’associazione SDS della facoltà di architettura di Parma al London Festival Of Architecture 2010

L’associazione di studenti SEGNIdSEGNI, della Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Parma, unica presente dall’Italia, partecipa dal 19 giugno al 4 luglio al London Festival of Architecture 2010, realizzato in collaborazione con “The Architecture Foundation (AF)”, “New London Architecture (NLA)” e “Royal Institute of British Architects” (RIBA).

Il tema del LFA 2010 è “The Welcoming City”, un riferimento alla progettazione di una città tollerante e coinvolgente, nonché slogan olimpico per il 2012. Il Festival si svolge in tutta Londra, anche se si concentra in tre aree principali: Nash Ramblas, High Street 2012 e Bankside Urban Forest.

Nell’ambito di LFA 2010 si inserisce il terzo Festival Internazionale di Architettura degli Studenti (IASF), basato sul sostegno e l’entusiasmo generato durante i primi due eventi per riunire studenti di design, provenienti non solo dal Regno Unito ma da tutto il resto del mondo, per creare una serie di interventi site-specific in spazi pubblici chiave in due delle aree scelte per la manifestazione: High Street 2012 e Bankside Urban Forest.

“Urban Relations Multiplier” è la proposta dell’associazione SdS. E’ un tentativo di produrre un luogo dove le persone possono incontrarsi. Due pareti di legno collegate da una pavimentazione in legno appaiono nel paesaggio urbano: non si vede ciò che vi è dall’altra parte e la vita quotidiana nella città si arricchisce di mistero e di attesa. Il restringimento della sezione del marciapiede costringe a cambiare direzione e a ridurre la velocità, e, se si vuole, a fermarsi per un po’. In un attimo il pedone, che nella metropoli è generalmente inconsapevole della gente che cammina intorno a lui, incontra altre persone in un’esperienza sinestetica: areti in legno, rumori naturali, musica contemporanea.

Il bando di concorso prevedeva la progettazione di un’installazione temporanea che sviluppasse quattro tematiche direttrici: reveal, reuse, signpost, inclusive. L’obiettivo finale è quello di muovere i primi passi nella riqualificazione di spazi urbani che vengono utilizzati inconsciamente, come ad esempio i marciapiedi, le zone di sosta e i residui urbani. Il progetto degli studenti dell’Università di Parma, interpretando queste tematiche, approda ad una definizione architettonica che travalica il significato primo delle parole e ricerca valori insiti e nascosti. L’evoluzione dei concetti di riuso, riciclo e riutilizzo ha portato a non focalizzare l’attenzione sui materiali, ma sulle persone.

L’associazione SEGNIdSEGNI espone al Better Bankside Pop Up Space, a sud della Tate Modern, un modello in scala 1:25 dell’installazione e i relativi disegni di progetto, che hanno suscitato grande interesse e positive critiche tra gli organizzatori.

Hanno partecipato gli studenti: Andrea Acerbi, Matteo Ballabeni, Simona Bertoletti, Pietro Bodria, Laura Bragalini, Saverio Cantoni, Andrea Cardelli, Filippo Cavalli, Alessandro Gattara, Stefano Pecorari, Alberto Scozzesi, Antonello Sportillo, Giulio Vigliol, con l’aiuto del Prof. Arch. Aldo De Poli, del Prof. Arch. Marcello Marchesini e del Prof. Arch. Chiara Visentin.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy