• Google+
  • Commenta
27 luglio 2010

Il dilemma dell’uovo e della gallina ha finalmente una risposta?

Dopo millenni di notti insonni, finalmente arriva la tanto attesa risposta al dilemma che ha “tormentato” l’universo: “E’ nato prima l’uovo o la gallina?”.

Galeotta fu una ricerca condotta dallo studioso Colin Freeman e dai suoi colleghi delle università di Warwick e Sheffield che, durante una ricerca sui processi che portano alla cristallizzazione del carbonato di calcio e alla formazione della parte rigida del guscio delle uova, hanno scoperto che la proteina ovocledidina17 (OC-17) presente nelle ovaie delle galline è la principale responsabile della trasformazione del carbonato di calcio in cristalli di calcite, la sostanza che compone la parte più dura del guscio.

In assenza di questa sostanza, infatti – sostengono gli scienziati – non è possibile che il guscio si indurisca e di conseguenza il guscio non potrebbe ospitare il pulcino.

La conclusione sembra, dunque, ovvia : è nata prima la gallina!
Ma questa soluzione sembra avere ulteriori risvolti. Infatti, si potrebbero dimostrare esiti inediti nel campo della sintesi ossea artificiale e dello stoccaggio della CO2 sottoforma di calcare.

Ovviamente, il risultato di questa ricerca è davvero l’esatto opposto del risultato di una ricerca di qualche tempo condotta dallo scienziato John Brookfield dell’università di Nottingham il quale sostiene che sarebbe stato l’uovo a nascere prima in quanto, secondo Brookfield, infatti : “Il patrimonio genetico di un organismo non cambia durante la vita di un organismo” e quindi “l’uccello che durante il suo processo evolutivo è divenuto l’attuale pollo in tempi preistorici deve essere stato un uovo”.

Chi avrà davvero ragione tra i due scienziati?
Per ora, è possibile dedurre che siamo di nuovo al punto di partenza e che non ci sia una vera risposta a questo dilemma e forse mai ci sarà. Ma come si dice: “mai dire mai!”, forse un giorno sapremo davvero chi è nato prima se l’uovo o la gallina.
Ai posteri l’ardua sentenza.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata