• Google+
  • Commenta
18 luglio 2010

Un workshop sul “Monitoraggio e diagnostica di ponti ferroviari”

Si è svolto presso il polo universitario di Pescara, un workshop sul “Monitoraggio e diagnostica di ponti ferroviari mediante l’analisi della risposta dinamica rilevata durante il passaggio di convogli”.

Il workshop riporta le esperienze conclusive di un analogo progetto PRIN interdisciplinare di ingegneria industriale e civile, di cui è responsabile il Prof. Claudio Valente della Facoltà di Architettura, ed è aperto a quanti hanno interessi nel campo della valutazione delle condizioni di stato di strutture in vibrazione, soggette a degrado.

Il workshop è stato articolato secondo presentazioni e dibattito.

Gli argomenti riguardano metodologie di pretest, di identificazione in campo lineare e non, di calibrazione dei modelli.

Ci sono stati i seguenti interventi:

• Subspace-Based Identification of Nonlinear Structures (Garibaldi)
• Cable tension estimation by means of vibration response and moving mass technique (Bellino)
• B-spline finite element updating of a railway bridge deck (Catania, Carminelli)
• A theoretical-experimental model of a milling machine tool for chatter prediction (Catania, Mancinelli)
• Interval admissibility and updating for railway bridge dynamic (Gabriele)
• Introduzione alle tecniche di pre test per l’analisi dinamica delle strutture (Bregant)

Ulteriori informazioni si trovano sul sito BriViDi (Bridge Vibrations and Diagnosis), dove, a breve, saranno resi disponibili anche i risultati di simulazioni fisiche su modelli che saranno condotte, presso il laboratorio SCAM (sezione Dipartimento di Ingegneria).

Le simulazioni prevedono l’esecuzione di prove di transito per differenti condizioni di massa e velocità su travetti in configurazione tipica da ponte soggetti a differenti livelli di danneggiamento per degrado artificiale da corrosione.

I risultati della campagna di prove per la caratterizzazione preliminare statica e dinamica dei travetti integri e danneggiati sono stati presentati presso la sede del laboratorio SCAM:

• Influenza della corrosione sulle caratteristiche meccaniche dell’acciaio (Zuccarino, Valente)
• Prove di vibrazione di travi c.a.p. per la valutazione del degrado da corrosione (Di Evangelista, Valente).

Lucia Iorio

Google+
© Riproduzione Riservata