• Google+
  • Commenta
16 settembre 2010

Latin lover, stakanovisti e “finti” cefaleici del mondo attenti!

Diversi studi allarmano il popolo maschileMaschietti del mondo attenzione a quello che fate! La ricerca scientifica indaga su di voi e vi svela i segreti più reconditi e i rischi di ogni vostra attività e questione di vita!
Un primo campanello d’allarme arriva da uno studio australiano pubblicato sulla rivista Journal of Evolutionary Biology. Secondo tale studio, i playboy, anche se giustificati del loro agire “godereccio” da una condanna biologica, però, pagherebbero col tempo, cara e amara la loro devozione edonistica e lussuriosa! Pare, infatti, che i promuscui e peccaminosi ometti, siano destinati a vivere velocemente e a morire in giovane età, per di più dopo uno sviluppo fisico già di per se ridotto dalla condotta da latin lover assunta.

Ma non finisce qui: un altro studio, stavolta danese, pubblicato sulla rivista scientifica di cardiologia Heart, rileva uguali rischi e pericoli per gli uomini “iperattivi”. Non parliamo di iperattività sessuale in questo caso, ma di stakanovismo lavorativo. Secondo questa recente ricerca, infatti, gli uomini over quaranta e che lavorano circa quarantacinque ore settimanali hanno il doppio delle possibilità di morire di cardiopatie ischemiche rispetto a chi, coetaneo, lavora però le sindacali e salutari ore di lavoro! Gli scienziati però hanno anche l’antidoto a tale rischio: evitare vita sedentaria e cercare di abbassare il numero delle ore trascorse a lavorare.

E se tutto ciò non bastasse, un’indagine, condotta stavolta in Italia da Chiara Simonelli, psicosessuologa dell’Università Sapienza di Roma, parla di un fenomeno triplicatosi negli ultimi anni: “mal di testa anti-rapporto sessuale” maschile! Se la scusa per anni, è stata sempre ricondotta al gentil sesso, pare che ora si stia realizzando un’inversione di tendenza e condotta. Rispetto alle donne però il “ventaglio di scuse” è più ampio: oltre alle cefalee improvvise c’è l’ansia da stress nonché i carichi di lavoro da smaltire anche la notte, magari davanti il computer. Questa “sindrome” pare colpisca sia gli uomini italiani sia quelli di tutta l’area occidentale. La causa? Oltre al cambiamento degli stili di vita e lavorativi, l’inversione di ruoli nella società: il prevalere sempre più della donna nel rapporto di coppia e nei più disparati contesti.

Pasqualina Scalea

Google+
© Riproduzione Riservata