• Google+
  • Commenta
22 settembre 2010

Lo sport incontra la ricerca medica

Un’interessante connubio è avvenuto tra il Coni e l’Università di Verona finalizzato alla collaborazione tra i settori delle facoltà di medicina e di scienze motorie dell’ateneo scaligero e l’istituto di Medicina e scienza dello sport “Antonio Venerando” di Roma.

Avverrà infatti un vero e proprio scambio culturale tra le due parti finalizzato alla cooperazione e alla promozione di importanti scambi scientifici per allargare il campo di ricerca e raggiungere, perché no, nuove conoscenze che potrebbero apportare ulteriori benefici a tutti noi.

Il presidente del Coni Gianni Petrucci, e il rettore dell’ateneo scaligero Alessandro Mazzucco hanno firmato l’accordo quadriennale in cui ognuna delle due parti si impegnerà nel mettere a disposizione i propri mezzi e le proprie conoscenze.

“Noi abbiamo un istituto di scienze dello sport con il quale siamo stati antesignani nel mondo che approfondisce la medicina sportiva.”, spiega Petrucci, “L’università di Verona mette il prestigio, le sue facoltà di medicina e di scienze motorie per uno scambio di cultura nella medicina sportiva».

Le premesse sembrano positive e questo scambio di idee tra due campi apparentemente lontani tra loro ma del tutto affini certamente darà ottimi risultati alla ricerca.

Gabriele di Grazia

Google+
© Riproduzione Riservata