• Google+
  • Commenta
7 settembre 2010

Università di Parma: 8 settembre: il Rettore incontra gli studenti “Erasmus Mundus” del Master internazionale in Digital Library Learning

Attualmente stanno frequentando un semestre a Parma 23 studenti stranieri
Mercoledì 8 settembre, alle ore 12.30, presso la Sala del Consiglio del Palazzo Centrale dell’Ateneo (Via Università 12), il Rettore Gino Ferretti darà il suo benvenuto agli studenti del progetto “Erasmus Mundus”, a Parma per partecipare al Master Internazionale in Digital Library Learning (DILL).

Il Master in Digital Library Learning è stato selezionato dal programma europeo “Erasmus Mundus”, coordinato per l’Ateneo di Parma dalla Prof.ssa Anna Maria Tammaro, del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere, Delegata del Rettore per l’insegnamento a distanza. Il Master, realizzato in collaborazione tra l’Università di Parma, l’Oslo University College (Norvegia) e la Tallinn University (Estonia), è stato selezionato come uno dei migliori Master Congiunti (Joint Degree) europei.

Il Master internazionale Digital Library Learning (DILL) è un corso avanzato per formare i nuovi professionisti che lavoreranno in biblioteche, archivi e musei digitali. I professionisti che concludono con successo il corso saranno capaci di guidare il cambiamento delle istituzioni culturali verso servizi innovativi che usano al meglio le tecnologie disponibili. Il corso è interdisciplinare e bilancia nel contenuto del curriculum sia la formazione tecnologica che la formazione biblioteconomica, entrambe richieste per lo sviluppo di biblioteche digitali. Il corso si rivolge inoltre ad una comunità di studenti internazionali e si basa sull’insegnamento di metodi di ricerca, criteri e principi che possono essere adattabili a diversi contesti sociali ed economici.

In tutto il mondo il problema è lo stesso: le istituzioni culturali come biblioteche archivi e musei, insieme ad alcune imprese private, come ad esempio quelle che fanno riferimento all’editoria ed ai servizi informativi, devono adeguare la loro organizzazione ed i loro servizi all’ambiente digitale, e soprattutto devono far fronte – a volte con minori risorse di prima – alle cresciute esigenze informative di utenti sempre più esigenti. In poco più di venti anni, le biblioteche digitali sono diventate un fenomeno mondiale, con alcuni progetti che sono ampiamente conosciuti come Google Books o Europeana. Il supporto digitale non è solo un nuovo supporto, tutta l’organizzazione delle istituzioni culturali deve essere cambiata, ed è necessario riflettere sul ruolo e sulle attuali funzionalità per capire come queste possono essere estese e migliorate, usando al meglio le tecnologie a disposizione.

Il Master DILL si fonda sui risultati della ricerca fin qui realizzata per le biblioteche digitali ed offrendosi ad una comunità di studenti provenienti da tanti Paesi diversi si propone di far conoscere la formazione universitaria europea all’estero. L’Università di Parma ha iniziato ad offrire corsi internazionali di biblioteconomia, insegnati in inglese, fin dal 2001, subito dopo la riforma di Bologna. Alcuni degli studenti che hanno completato i corsi internazionali di Parma hanno ottenuto premi prestigiosi, come anche posti di lavoro in importanti organizzazioni internazionali.
La lingua di insegnamento è l’inglese. Gli studenti, provenienti da tutte le parti del mondo, trascorrono almeno un semestre in ognuna delle Università promotrici.

Attualmente a Parma si trovano 23 studenti (3 comunitari e 20 provenienti da paesi terzi).

Google+
© Riproduzione Riservata