• Google+
  • Commenta
21 ottobre 2010

Ecco come sconfiggere l’amnesia.

Combattere l’invecchiamento? Da oggi si può, il segreto? Carote, peperoni, rosmarino, sedano, olio di oliva e menta.

Ebbene si, questi sono gli alimenti che, secondo i ricercatori dell’Università dell’Illinois, contengono la luteolina una sostanza che non farebbe invecchiare il nostro cervello.

Il team americano guidato da Rodney Johnson, direttore del Dipartimento di Scienza Nutrizionale, ha esaminato gli effetti della luteolina nell’alimentazione dei topi.

Questa sostanza, infatti, sarebbe in grado di garantire una riduzione di citochine, molecole infiammatorie che agiscono sul cervello.

Con l’invecchiamento,- spiega Johnson – le cellule della microglia, localizzate nel cervello e nel midollo spinale, subiscono una deregolamentazione e iniziano a produrre livelli eccessivi di citochine infiammatorie

La ricerca, pubblicata sul “Journal of Nutrition” ha dimostrato che le cellule microcigliali quando sono esposte a tossine batteriche producono le molecole infiammatorie, danneggiando i neuroni. Nei topi che hanno ricevuto la luteolina questo processo degenerativo è stato rallentato. Gli effetti cognitivi sono più evidenti nella popolazione adulta. La risposta dei topi ha svelato che l’ippocampo, regione cerebrale deputata alla memorizzazione, funziona meglio, garantendo punteggi più alti nei test d’apprendimento.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata