• Google+
  • Commenta
31 dicembre 2010

Fammi vedere come respiri ti dirò che malattia hai

I ricercatori statunitensi dell’Università di Purdue, nello stato dell’Indiana stanno sperimentando un macchinario che ha la capacità di rilevare, nei gas analizzati, la modificazione della conduttività elettrica delle sostanze gassose, causata dalla presenza di molecole biologiche, grazie a una serie di sensori che sfruttano la tecnologia delle nanoparticelle.

Una prima versione dell’apparecchio è stata messa alla prova nella ricerca dell’acetone, una sostanza che può suggerire l’insorgenza del diabete, rintracciata in un gas che simulava il respiro umano.

Da questa analisi-spiegano i ricercatori- otterremo delle informazioni preliminari, come la presenza di una sostanza che può essere associata a un tumore. L’informazione poi può essere confermata da esami più approfonditi. Il sistema, ovviamente, -concludono- deve essere ancora messo a punto, ma essere riusciti a realizzare l’analisi in tempo reale è un grosso passo avanti“.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “IEEE Sensors Journal”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata