• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2010

Unical: lamentele sul sistema di trasporti pubblici tra ateneo e città

Autobus strapieni,che costano troppo e che rendono un’odissea ogni spostamento.L’Università della Calabria è senza ombra di dubbio uno dei fiori all’occhiello del sistema universitario meridionale e non sfigura nemmeno nell’ambito nazionale,perlomeno tra gli atenei di medie dimensioni: 6 facoltà,80 corsi di laurea,il più grande sistema bibliotecario meridionale,il primo e più grande campus universitario italiano e altre caratteristiche rendono l’ateneo cosentino uno dei più all’avanguardia del nostro panorama.

Purtroppo anch’esso presenta dei punti deboli: e tra i difetti quello meno considerato,ma non per questo meno importante,è il sistema di trasporti pubblici tra l’università e la città.

E’ vero, all’interno della cittadella universitaria è presente un grosso campus,e la residenzialità di studenti e docenti all’interno del suddetto campus è uno dei suoi punti di forza: ma le residenze universitarie non sono site tutte tra le colline di Arcavacata. Infatti ben 6 dei 12 quartieri residenziali sono posizionati nei comuni di Rende e Cosenza,fuori dal territorio del campus (Finim e Nervoso a Quattromiglia di Rende,Laratta,Martire H e Pranno a Commenda di Rende,Bombini nel centro storico di Cosenza).

Senza contare che non tutti gli studenti hanno diritto alla casa dello studente,assegnata secondo requisiti di reddito e merito,e molti preferiscono non risiedere ad Arcavacata,luogo in effetti “fuori mano” e scarsamente attrezzato,ma nelle città di Rende e Cosenza.

Date queste premesse si capisce la necessità di un sistema di trasporti pubblici efficiente e funzionale tra la città e l’ateneo. Ma questo sistema di trasporti è tutt’altro che efficiente e funzionale: i pullman messi a disposizione sono pochi per una popolazione universitaria di decine di migliaia tra studenti e addetti ai lavori: ci si ritrova spesso a viaggiare in mezzi in cui sono stivate oltre 100 persone,quando questi mezzi ne potrebbero contenere 50 – 60: sovente bisogna fare i conti con autobus che non passano,che non effettuano le fermate e con un personale tutt’altro che cortese: il trasporto notturno è scarso o inesistente.

Tra l’altro recentemente la ditta che fornisce il servizio di trasporti pubblici delle città di Rende e Cosenza ha operato un “ritocco” alle tariffe,nel senso che il prezzo dei biglietti è stato aumentato di 23 centesimi per quelli da 90 minuti e di 45 centesimi per quelli giornalieri,aumento ingiustificato dato che non si è assistito ad un miglioramento del servizio: fortunatamente almeno il prezzo degli abbonamenti non è stato aumentato.

Non è l’Università a gestire il sistema dei trasporti pubblici,ma non si può negare che di questo servizio usufruiscono soprattutto persone che si spostano dalla città all’ateneo e viceversa,siano essi studenti,docenti o membri del personale tecnico-amministrativo,quindi a lamentarsi della scarsa funzionalità del servizio sono in gran parte gli universitari.

Data l’importanza che possiede questo ateneo per il territorio è chiaro che bisogna fare di tutto per eliminare ogni possibile problematica che ne mini l’efficienza: e quindi gli enti locali,il Comune,la Provincia,la Regione,dovrebbero intervenire con sovvenzioni o quant’altro per potenziare e rendere più efficiente il servizio.

Inoltre un ottimo pubblico sistema di trasporti possiede una sua utilità nell’ambito della lotta all’inquinamento atmosferico,problema sempre più grave nelle nostre città.

Alberto De Luca

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy