• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2010

Università di Udine : Individuati antibiotici in grado di inibire i depositi amiloidi

Studio pubblicato su “The Journal of Biological Chemistry”
Importante passo nella ricerca di una cura per le patologie
che provocano malattie quali l’Alzheimer e il Parkinson

Ricercatori delle Università di Udine, Pavia, Genova e Firenze e dell’Istituto Mario Negri di Milano hanno dimostrato l’efficacia di alcuni antibiotici – precisamente della famiglia cui appartiene la doxyciclina – contro gli aggregati della proteina β2-microglobulina, che è responsabile dell’amiloidosi nei pazienti emodializzati cronici.

Si tratta, dunque, di un passo avanti nella ricerca di una cura delle amiloidosi, ossia delle patologie in cui i depositi di proteine nelle cellule e nei tessuti provocano malattie come l’Alzheimer e il Parkinson.

Lo studio, che è stato pubblicato on line e ha ottenuto il riconoscimento di “paper of the week” e la copertina dell’autorevole rivista scientifica “The Journal of Biological Chemistry” (http://www.jbc.org/content/early/recent), sarà in stampa nel gennaio 2011.

Ora «lo studio apre – spiega Rino Esposito, del gruppo di Biofisica della facoltà di Medicina dell’Università di Udine – ulteriori interessanti prospettive riguardanti da una parte la progettazione di nuovi farmaci, dall’altra l’applicazione clinica della doxyciclina e di derivati simili per scopi terapeutici non convenzionali». In tal senso, «la sperimentazione clinica – aggiunge Esposito – è già stata avviata presso l’Istituto Mario Negri di Milano». Il team di laboratori, in particolare, ha scoperto che la doxyciclina e qualche altro membro della stessa famiglia di antibiotici sono capaci di inibire la formazione e anche disgregare i depositi di β2-microglobulina, con un meccanismo che blocca il processo di associazione della proteina.

L’importante risultato è stato raggiunto a coronamento di un’attività di ricerca che da oltre un decennio accomuna il gruppo di laboratori italiani di Udine, Pavia, Firenze, Genova e Milano in progetti scientifici nazionali ed europei «e conferma – sottolinea Esposito – la necessità di team di lavoro interdisciplinari». Il gruppo di Biofisica della facoltà di Medicina dell’ateneo di Udine è composto da Paolo Viglino, Rino Esposito, Federico Fogolari e Alessandra Corazza. Nello studio pubblicato sul “Journal of Biological Chemistry” hanno partecipato anche Katiuscia Pagano e Luca Codutti, giovani post-doc che hanno conseguito il dottorato a Udine.

Il gruppo udinese ha affrontato, nello specifico, della caratterizzazione dello stato di aggregazione e dell’interazione con doxyciclina di β2-microglobulina in diverse condizioni sperimentali. Il team di Biofisica di Udine si occupa di proteine amiloidi dal 1999, applicando tecniche di risonanza magnetica nucleare (NMR) ad alta risoluzione e tecniche computazionali per indagini biostrutturali e funzionali.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy