• Google+
  • Commenta
6 dicembre 2010

Università di Udine : La clinica medica compie vent’anni

Udine, 6 dicembre 2010 – Tre Scuole di specializzazione che hanno preparato quasi cento medici; oltre 340 pubblicazioni scientifiche; cinque gruppi di lavoro impegnati nella cura e ricerca su malattie cardiovascolari, diabete, endocrinologia, epatologia, trapianti di fegato e allergologia; oltre ottanta sperimentazioni cliniche portate a termine; più di 1.200 degenze e 8 mila utenti di attività ambulatoriali per anno.

Sono soltanto alcuni numeri che descrivono l’intensa attività di ricerca, didattica e assistenza della Clinica Medica dell’Università di Udine giunta al traguardo dei suoi primi vent’anni. Inaugurata nell’ottobre del 1990, nel 2007, con l’unificazione del Policlinico Universitario a Gestione diretta nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, la Clinica Medica è entrata a far parte, con funzione di guida e coordinamento, del Dipartimento assistenziale integrato di Medicina Interna.

Il ventennale della Clinica sarà celebrato nel convegno “La Clinica Medica dell’Università di Udine, un percorso di vent’anni tra ricerca, didattica e assistenza”, in programma giovedì 9 dicembre nella sala Anfiteatro al 4° piano del Padiglione di ingresso dell’Ospedale di Udine.

La Clinica Medica dell’Università di Udine, negli anni, ha sviluppato le funzioni di reparto, day-hospital e ambulatori, svolgendo costantemente attività di ricerca su diversi fronti. Con l’unificazione nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, alla Clinica sono state assegnate la direzione e il coordinamento clinico, didattico e scientifico del Dipartimento assistenziale integrato di Medicina Interna, in cui sono confluite anche le due Strutture complesse di Medicina Interna, la Struttura complessa di Pronto Soccorso e Medicina d’urgenza, la Struttura complessa di Endocrinologia e Malattie Metaboliche, la Clinica Psichiatrica e l’Istituto di Farmacologia Clinica.

Un passaggio delicato, in cui «alcune funzioni che avevano caratterizzato la storia della Clinica Medica, rappresentandone i capisaldi –, ricorda il direttore Leonardo Sechi – hanno affrontato serie difficoltà per garantire gli standard qualitativi e quantitativi abituali». L’auspicio ora è «che una struttura che ha garantito per vent’anni alla comunità cittadina e regionale un’attività clinica di prim’ordine – continua Sechi -, possa continuare a operare con continuità, mantenendo il sostegno alle proprie aree di eccellenza e perseguendo i propri obiettivi per garantire quel supporto alla didattica e alla ricerca che è indispensabile per un’attività universitaria degna del proprio nome. Sarebbe davvero imbarazzante, per una comunità che ha desiderato con gran forza l’Università e la facoltà di Medicina di Udine, dover assistere al declino di una delle realtà più valide e qualificate dell’Ateneo».

L’elemento che ha più fortemente caratterizzato l’attività ventennale della Clinica Medica di Udine è stata la vocazione alla ricerca scientifica, indirizzata a molteplici settori, secondo l’originario disegno del suo fondatore, il professor Ettore Bartoli. In particolare, i settori presenti nella Clinica sono specificatamente dedicati a epatologia, nefrologia, diabete, aterotrombosi, ipertensione arteriosa e malattie cardiovascolari, gastroenterologia ed endoscopia digestiva, reumatologia.

Si è così costituita «una struttura straordinaria – afferma Sechi – sia sotto il profilo della qualità dell’assistenza clinica, sia sotto il profilo della ricerca e della funzione didattica, punto di riferimento territoriale per le problematiche cliniche più complesse e ambiente ideale in cui gli studenti e i medici in formazione specialistica possono trovare opportunità didattiche pratiche, competenze cliniche diversificate e motivazione allo studio».

«Tutto ciò – conclude Sechi – non sarebbe stato possibile senza il contributo di tutti coloro, medici, specializzandi, studenti, infermieri e operatori sanitari, amministrativi e tecnici, che in questi venti anni hanno saputo interpretare al meglio il proprio ruolo, sostenendo un carico di responsabilità con senso di appartenenza e rispetto dell’istituzione, vedendo in essa l’ambito in cui trovare il proprio equilibrio professionale e la realizzazione delle proprie ambizioni».

LA CLINICA MEDICA DELL’UNIVERSITÀ DI UDINE: ALCUNI DATI

ATTIVITÀ DIDATTICA
L’impegno didattico della Clinica Medica sin dai primi anni dall’istituzione della facoltà di Medicina è stato rivolto alla formazione degli studenti del corso di laurea in Medicina e chirurgia, sia nello specifico ambito internistico che in diversi ambiti specialistici.

Dell’impegno e dell’efficacia nell’attività didattica della Clinica Medica e dei professionisti che in essa operano sono diretta testimonianza:
– il posizionamento al 1° posto del corso di Medicina Interna nella classifica di valutazione sulla efficacia e utilità dei corsi effettuata ex-post dagli studenti del corsi di laurea in Medicina in entrambi gli anni in cui la classifica è stata stilata (2008-2009);
– il posizionamento nelle primissime posizioni, nelle stesse valutazioni effettuate dagli studenti, di docenti della Clinica Medica;
– la continua richiesta di frequenza presso il reparto da parte di studenti interni e la elevata frequenza di richiesta di accesso alle scuole di specializzazione internistiche da parte dei laureati.

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE
Presso la Clinica Medica hanno sede 3 Scuole di specializzazione tutte con sede amministrativa a Udine: Medicina interna; Geriatria; Medicina d’emergenza-urgenza.

– Medicina interna: attivata nel 1993 e ha specializzato, a oggi, oltre 60 medici tutti allievi della Clinica Medica;
– Geriatria: attivata nel 1997 e ha specializzato 30 medici, di cui 8 formatisi nella Clinica Medica;
– Medicina d’emergenza-urgenza: istituita recentemente, ha attualmente avviato il II anno di corso.

L’attività di ricerca della Clinica Medica si è articolata negli ambiti della ricerca di base e clinica. In entrambi i casi l’attività scientifica è stata florida con importanti risultati sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo. Diretta testimonianza ne sono i più di 340 contributi sulle riviste scientifiche di maggior prestigio di ambito internistico generale e specialistico.

Il numero totale di pubblicazioni indicizzate prodotte è di 342 con un Impact Factor (rapporto tra numero di citazioni e numero di articoli prodotti) complessivo di 1755,58 e un Impact Factor medio di 5,13.
Le sperimentazioni cliniche portate a termine sono 84.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy