• Google+
  • Commenta
19 febbraio 2011

Facebook? Pochi amici ma buoni!

Facebook: strumento potenzialmente utile o l’ennesimo ammennicolo tecnologico di cui non si aveva bisogno? Dalla sua nascita ad oggi moltissimi hanno provato a rispondere a questa domanda , una delle tante (il dilemma non solo etico sulla privacy, per esempio, è un altro tra i più gettonati) che riguarda il social network più popolare del mondo.

Uno studio della Napier University di Edimburgo questa volta si concentra su un aspetto differente di Facebook: la sua capacità di generare stress in chi lo utilizza.

Lo studio della prestigiosa Università Scozzese rivela che per almeno un utente su 10 del social network lo stress supera il divertimento. I ricercatori hanno intervistato 200 studenti, scoprendo che il 12% di questi manifesta ansia e preoccupazione nell’uso di Facebook.

Vi è un parametro di particolare interesse nella questione, il rapporto tra lo stress e il numero di amici che si ha sulla piattaforma virtuale. Il numero medio di amici dei soggetti ansiosi era 117,mentre il restante 88% ne aveva in media 75.
Meglio sceglierseli bene e fidati, dunque, in modo da non dover sempre tenere sotto controllo il nervosismo di visite al nostro profilo di gente che conosciamo appena, di messaggi in bacheca compromettenti etc etc.

A quanto pare il proverbio “Chi vuole avere buoni amici, ne abbia pochi” vale anche per Facebook.


Tommaso Ceruso

Google+
© Riproduzione Riservata