• Google+
  • Commenta
24 febbraio 2011

Morbo di Alzheimer: studiare più lingue previene l’insorgenza della patologia.

E’ in arrivo la soluzione per ridurre l’insorgenza del morbo di Alzheimer.

Secondo lo studio dei ricercatori canadesi dell’Università di Toronto allenare il cervello con lo studio e la conoscenza di due o più lingue permette un miglioramento delle connessioni e della gestione dei processi celebrali multitasking (svolgere più compiti simultaneamente).

Il team canadese ha monitorato 211 pazienti affetti da morbo di Alzheimer. Un gruppo di queste persone parlava due lingue, mentre il secondo solo una. Gli studiosi hanno notato che i pazienti, bilingui, la malattia era stata diagnosticata più tardi, e anche i sintomi si sono manifestati molto dopo rispetto ai pazienti del secondo gruppo.

Questa scoperta è un grande passo avanti per prevenire la patologia per questo motivo i ricercatori canadesi nell’ambito dell’American Association for the Advancement of Science in corso a Washington hanno sottolineato il fatto che bisognerebbe iniziare lo studio delle lingue sin da giovani in modo tale da poter allenare il cervello prevenendone la malattia e che anche se le si impara a 40-50 anni la protezione è comunque notevole.

L’importante -conclude il team canadese- è studiare, leggere e aver sempre voglia di conoscenza e di sapere, mantenere il cervello allenato e in continua stimolazione, solo così si ha la possibilità di ridurre il rischio di ammalarsi”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata