• Google+
  • Commenta
28 febbraio 2011

Universita’ di Firenze valorizza il Medioevo con un progetto internazionale

Il Medioevo radice comune di luoghi diversi? A quanto pare si; infatti il Medioevo unisce luoghi spazialmente molto lontani, la Maremma, la Giordania e l’Armenia. Per valutare e valorizzare questa matrice comune nasce Liaisons for Growth “Legami per la crescita”. Oltre a valorizzare questo legame si punta allo sviluppo rurale e urbano di queste tre aree; l’iniziativa è promossa, oltre che dall’Università di Firenze, dalla Regione Toscana e da Far Maremma scrl.

I luoghi soggetti all’intervento saranno: la Maremma in Italia, Shawbak presso Petra in Giordania, Ararat e Vayots Dzor in Armenia. Luoghi praticamente agli antipodi l’uno dall’altro, però, nonostante questa distanza, sono luoghi che condividono processi di formazione del paesaggio e del patrimonio culturale e hanno comuni radici medievali.

I finanziamenti al progetto corrispondono a circa 550mila euro, il soggetto finanziatore è la Commissione Europea nel quadro delle politiche di vicinato.

Fondamentale per Liaisons for Growth è stata l’Università di Firenze. Guido Vannini, ordinario di Archeologia Medievale, ha condotto le ricerche sul Medioevo di Petra e Shawbak e rappresenta un esempio di applicazione allo sviluppo rurale dell’Archeologia Pubblica.

Marano Virgilio

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy