• Google+
  • Commenta
22 marzo 2011

I rettori delle università del sud: auspichiamo in una nuova università

A pochi giorni dall’incontro con il ministro dell’Istruzione Maristella Gelmini e con il ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto, i rettori degli atenei del sud e delle isole si sono nuovamente riuniti a Roma presso la sede della Crui.Motivo dell’incontro è la presentazione di un documento firmato dai sedici rettori degli atenei di Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia, piano di lavoro sul quale costruire il nuovo programma dell’Università, tenendo conto dei cambiamenti indotti dalla riforma Gelmini.

I punti salienti del documento si concentrano soprattutto nella ricerca di un programma che favorisca il rilancio del sistema universitario e la riaffermazione del suo valore sociale, grazie al contributo di “una rinnovata e più convinta ed autorevole azione della Crui”.

I rettori chiedono pari opportunità per tutti gli atenei, e domandano la realizzazione di commissioni specifiche, in seno alla stessa Crui, e di un rilancio delle funzioni di rilevazione e analisi dei dati da parte della Conferenza.

Tenendo conto delle esigenze dell’università italiana dopo l’attuazione della riforma, in particolar modo sul piano economico e finanziario, i magnifici degli atenei del meridione ritengono sia importante un confronto costante con il ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, e un’inversione di tendenza nella riduzione dei finanziamenti inaugurata con la legge 133/2008, soprattutto per qual che riguarda gli atenei meno agiati.

Il documento sarà affidato alla prossima guida della Crui, il quale sarà eletto il prossimo 7 aprile, confidando nel fatto “che le priorità indicate costituiscano parte integrante del loro programma e del loro impegno di governo.”

Marilena Grattacaso

Google+
© Riproduzione Riservata