• Google+
  • Commenta
9 marzo 2011

Universitàdi Padova : Lo straniero come persona

Globalizzazione, integrazione, condivisione, incontro tra culture, confronti tra tradizioni: in questo mondo che figura dello straniero emerge? La Corte Costituzionale italiana ha ribadito il principio secondo il quale lo straniero è titolare di tutti i diritti che la Costituzione attribuisce alla persona. Vi è dunque uno stretto collegamento tra diritti sociali e dignità umana, esiste cioè un nucleo irriducibile e inalienabile di diritti che appartiene a tutti, indistintamente.

Venerdì 11 marzo alle ore 18.00 in Aula E a Palazzo del Bo, via VIII febbraio 2 a Padova, si terrà un dibattito coordinato da Lorenza Carlassare dal titolo “Lo straniero come persona”, nel quale interverranno gli avvocati Matteo Conz e Ugo Funghi.

La seconda edizione di convegni sugli approfondimenti della Carta costituzionale, organizzata dalla Scuola di Cultura Costituzionale, è quest’anno dedicata al tema “La persona nella Costituzione”.
L’obiettivo principale è comprendere in che modo la persona sia al centro della nostra Costituzione, come essa entri in relazione con le istituzioni, che ruolo abbia nel grande progetto dell’Unione Europea, come venga recepita del mondo dell’informazione, come interagisca con la giustizia e con l’ambiente oppure come riesca a salvaguardare la sua “coscienza”.

La Scuola di Cultura Costituzionale dell’Università degli Studi di Padova, diretta da Lorenza Carlassare, è un’iniziativa promossa in collaborazione con il Comune di Padova, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Padova e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. La Scuola, gratuita e aperta a tutti, intende promuovere la conoscenza della Costituzione italiana tra i cittadini di ogni età, cittadinanza, professione, estrazione sociale e appartenenza politica attraverso un ciclo di incontri pubblici e lezioni accademiche.

Google+
© Riproduzione Riservata