• Google+
  • Commenta
11 marzo 2011

Vivere la musica attraverso la memoria dei grandi artisti di ieri

Il progetto Colloquia 2011 della Sezione musicologica del Dipartimento di Studi greco-latini, italiani, scenico-musicali incontra Maria Claudia, vedova del Maestro Scotese.Lunedì 14 marzo 2011, il Professor Pierluigi Petrobelli (Sapienza Università di Roma) e il M.o Fausto Sebastiani (Nuova Consonanza) parleranno, presso l’aula di Storia della Musica “Nino Pirrotta”, di Giuseppe Scotese interprete di musica contemporanea.

Giuseppe Scotese, scomparso prematuramente nel 2006, rappresentò un fulgido esempio di interprete di musica pianistica contemporanea sorretto da profonda cultura nonché da appassionato impegno nella diffusione, in qualità di organizzatore musicale e didatta, della musica del nostro tempo.

Tra i più stimati animatori della vita musicale italiana in tutti i sensi, Giuseppe Scotese aveva fondato nel 1989 L’Officina Musicale dell’Altopiano delle Rocche e ne aveva assunto la direzione artistica perseguendo oltre agli intenti didattici- divulgativi, anche quello di valorizzare il patrimonio artistico locale.

L’incontro vuole celebrare la personalità di un grande artista italiano e ricordare la sua attenzione per i giovani interpreti e la compresenza di musica contemporanea accanto al repertorio tradizionale.

Nell’occasione, la vedova del M.o Scotese, Maria Claudia, donerà alla Biblioteca di Storia della musica del Dipartimento la collezione di spartiti di musica contemporanea già posseduti dal marito, raccolti e ordinati da lei con l’aiuto di Luigi De Carolis e Simone Temporali.

Margherita Teodori

Google+
© Riproduzione Riservata