• Google+
  • Commenta
16 aprile 2011

Se vogliamo che tutto rimanga com’è bisogna che tutto cambi

31 classici e 8 sceneggiati televisivi raccontano la storia della nostra Nazione Casa del Cinema Largo Marcello Mastroianni, Villa Borghese, Roma.
Mercoledì 20 aprile, ore 16.00. Nuovo appuntamento: proiezione del film Il Gattopardo di Luchino Visconti con Burt Lancaster, Claudia Cardinale, Alain Delon, Rina Morelli, Paolo Stoppa e Romaolo Valli.

La Casa del Cinema prosegue con le proiezioni dei 31 classici scelti per raccontare il Risorgimento italiano.
Dal 17 marzo al 15 maggio, la Sala Deluxe ospiterà 31 classici e 8 sceneggiati televisivi nella rassegna Nascita di una Nazione, nell’ambito delle iniziative legate ai 150 anni di Unità d’Italia.

Ed ecco, mercoledì sarà la volta del Gattopardo, film diretto nel 1963 da Luchino Visconti, tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d’oro al 16° Festival di Cannes, come miglior film.
Interpreti di fama internazionale che cuciono le vesti di personaggi di gran spessore.

Il Gattopardo rappresenta, nel percorso artistico di Visconti, un momento cruciale, forse di svolta, in cui l’impegno politico-sociale del militante comunista si attenua per dare alito ad una nostalgia tutta sui generis dell’ambiente aristocratico milanese. Il film nasconde perciò un’ossessiva ricerca del tempo andato, perduto, caratteristiche che saranno proprie dei film storici che seguiranno nella carriera artistica di Visconti.

Tra i maggiori film selezionati dalla Rassegna La presa di Roma, La Tosca, Piccolo mondo antico, Camicie rosse, Casa Ricordi, I vicerè, Il Gattopardo, fino al recentissimo Noi credevamo di Mario Martone. Assieme ad altri ancora, questi film andranno a comporre lo status delle opere cinematografiche legate al Risorgimento italiano.

Un progetto a cura di Sergio Toffetti, in collaborazione con Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale, Rai Teche e Museo del Cinema di Torino.

Un’occasione da non perdere, per tutti gli appassionati del grande cinema italiano ma non solo; un’importante riscoperta della storia italiana vista con l’occhio attento della macchina da presa.

Margherita Teodori

Google+
© Riproduzione Riservata