Una rete di giardini per promuovere la cultura e il turismo

Antonietta Amato 25 Aprile 2011

All’interno del Programma operativo Italia-Malta 2007-2013 è stato ammesso per il finanziamento il progetto "Gardmed, the network of Mediterranean gardens", una rete di giardini per promuovere la cultura e il turismo.

Capofila è il dipartimento di biologia “Marcello La Greca”.

Il progetto rientra nell’ambito dell’Asse 1, obiettivo 1.3 (Sviluppare congiuntamente le potenzialità del turismo contribuendo al miglioramento dell’offerta turistica integrata).

Il programma europeo di cooperazione ha l’obiettivo di rafforzare i rapporti tra l’Italia e Malta nei settori della competitività, innovazione e ricerca (Asse 1) e in quelli dell’ambiente, energia e prevenzione dei rischi (Asse 2) nel rispetto del principio della sostenibilità ambientale.

Il progetto Gardmed prevede la conservazione, gestione e valorizzazione di almeno 15 giardini a Malta e nelle province meridionali della Sicilia, per promuovere la creazione di circuiti culturali e turistici.

Tra i vari partner del progetto ci sono sono l’Argotti Botanical Garden dell’Università di Malta e il Comune di Floriana e, in Sicilia, il Comune di Siracusa. È stato previsto che il progetto avrà una durata di 18 mesi e necessiterà di oltre 790.000 euro.

I giardini rappresentano un esempio di patrimonio culturale e naturale che spesso è poco conosciuto e considerato invece di essere valorizzato. Proprio da questa considerazione nasce il progetto Gardmed che mira a trasformare la rete dei giardini del mediterraneo una risorsa del territorio in termini culturali, ambientali, sociali e d economici.

Il progetto rappresenta anche un importante opportunità di occupazione a giovani esperti e di formazione per nuove professionalità a livello multidisciplinare. Inoltre potrà essere esteso anche agli altri paesi del mediterraneo.

Il 19 aprile si è svolto a Catania, nella sede dell’orto botanico, il primo incontro operativo tra i vari partner. Hanno partecipato il dr. Joseph Buhagiar, direttore dell’Argotti Botanical Garden, il Sindaco di Floriana, Mr Nigel Holland e il segretario comunale Mr. Kenneth Brincat, la dott.ssa Rosaria Garufi e la dott.ssa Rossella Amato per il Comune di Siracusa, e, per il capofila, il direttore prof. Pietro Pavone, la responsabile del progetto prof.ssa Anna Guglielmo, il segretario amministrativo sig. Alessandro Villari, il dott. Marco Sambataro e la dott.ssa Chiara Di Bella del Segretariato tecnico congiunto presso l’Autorità di gestione della Regione Siciliana e la dott.ssa Valentina Lazzara dell’Ufficio Ricerca dell’Università.

Pietro Marzocca

© Riproduzione Riservata
avatar Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto