• Google+
  • Commenta
11 aprile 2011

Università di Udine : Villaggio degli orsi

Appuntamento per grandi e piccini domenica 10 aprile a Stupizza, in comune di Pulfero (Ud), per la “Festa del risveglio” organizzata in occasione della riapertura stagionale del Villaggio degli Orsi, raggiungibile da Cividale del Friuli percorrendo la statale in direzione Slovenia. Ricercatori, studenti, tirocinanti dell’Università di Udine che, in collaborazione con il comune di Pulfero, gestiscono il Centro visite del Villaggio, accoglieranno i visitatori dalle 9 alle 18 per escursioni, visite guidate, giochi per bambini e assaggi a base di prodotti locali. La “Festa del Risveglio” è il primo evento che apre la stagione del Villaggio degli Orsi, attualmente visitabile su prenotazione e dal mese di maggio regolarmente aperto al pubblico nei fine settimana.

Per le attività in programma nella giornata di domenica 10, ad eccezione dei giochi per bambini e della visita del Centro, è necessaria la prenotazione tramite e-mail all’indirizzo villaggioorsi.dian@uniud.it, oppure chiamando il numero 338 4059251. Per maggiori informazioni sulla “Festa del risveglio” e sul Villaggio degli Orsi è possibile consultare il sito www.uniud.it/villaggioorsi. In caso di maltempo l’evento sarà rinviato.

Domenica 10 aprile i visitatori potranno optare per: passeggiate per comminatori esperti sul Monte Mia, con visita al sito di cattura degli orsi; passeggiate per famiglie lungo il Natisone; merenda dell’orso a base di dolci e succo di mele prodotti nelle Valli del Natisone; visita guidata al Centro visite, con proiezioni di documenti audiovisivi sulle attività di ricerca svolte sui grandi carnivori che vivono il Friuli Venezia Giulia; giochi per bambini con animazione da parte degli operatori del Centro.

Il Centro Visite e il Villaggio degli Orsi, affidati dall’amministrazione comunale di Pulfero in gestione all’Università di Udine, permette di conoscere le iniziative di ricerca, conservazione e valorizzazione della natura condotte dall’Ateneo friulano, dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dai Parchi naturali regionali.

Google+
© Riproduzione Riservata