• Google+
  • Commenta
9 Maggio 2011

Campus Bio Medico : Cooperazione sanitaria

In partnership con Istituto Superiore di Sanità, Campus Bio-Medico di Roma e Centro ELIS

Delegazione cinese in Italia per studiare i modelli assistenziali del nostro Paese, mentre la riforma sanitaria di Pechino da 200 miliardi di euro punta sempre più verso un sistema “misto” pubblico-privato. Si estende la copertura sanitaria nella popolazione cinese e lo Stato decide di finanziare anche il privato che investe in sanità, soprattutto se in settori ad alto contenuto tecnologico. OggiAggiungi un appuntamento per oggi al Campus Bio-Medico di Roma il via ufficiale al programma di cooperazione.

Sbarca in Italia la delegazione cinese formata da medici, infermieri, tecnici e manager sanitari per studiare il nostro sistema sanitario nazionale, bistrattato in patria, ma sempre più emulato all’estero. Sotto la lente d’ingrandimento finiranno in particolare i meccanismi che regolano nel nostro Paese i rapporti tra Stato (o più propriamente le Regioni) e strutture sanitarie private convenzionate. Un sistema “misto” verso il quale sembra orientarsi ora anche il colosso cinese, alle prese con una faraonica riforma sanitaria, che dopo anni di profit e di un sistema assicurativo in stile americano, punta ora verso un deciso intervento finanziario del pubblico per garantire entro il 2020 la copertura sanitaria di base a ben un miliardo e 300 milioni di persone.

Il programma China-Italy-Shaanxi Vacational Training Programme è un progetto di formazione, frutto della cooperazione tra governo cinese e italiano per lo sviluppo economico e sociale. Vedrà impegnati da un lato l’Istituto Superiore di Sanità, l’Università Campus Bio-Medico di Roma e l’Associazione Centro ELIS (che promuove attività formative e di solidarietà sociale), dall’altro manager e personale sanitario della Xi’an Medical University e del Provincial People’s Hospital. Un percorso della durata di due anni, per comprendere i nostri modelli gestionali e di assistenza sanitaria e che prevede una serie di interventi: la formazione in loco, effettuata da esperti italiani, l’erogazione di borse di studio in Italia e in Cina, la dotazione di attrezzature e strumentazioni avanzate per l’allestimento in loco di laboratori didattico-formativi.

La scelta dell’Italia da parte dell’ “Impero di mezzo”, e in particolare di un grande Istituto di ricerca pubblico come l’ISS e di un Policlinico privato convenzionato con il pubblico come il Campus Bio-Medico, non è casuale. Dopo decenni di assenza dello Stato dalla sanità e i suoi timidi tentativi di reingresso degli anni ’90, nel 2003 la locomotiva cinese ha deciso che per accelerare la propria corsa verso lo sviluppo aveva bisogno di un sistema di welfare sanitario più efficiente di quello assicurativo privato, paradossale in un Paese che si autodefinisce comunista. Parte così il colossale Piano “Cina in salute 2020”, che punta tra l’altro a integrare la medicina Tradizionale con quella Occidentale e che sembra in questi mesi virare sempre più verso un sistema “misto” pubblico-privato. Secondo un rapporto stilato dall’organo principale di programmazione economica cinese (l’NDRC, National Development Reform Commission) e sottoposto al Consiglio di Stato cinese, il supporto finanziario da parte del governo dovrebbe essere concesso egualmente alle strutture private come a quelle pubbliche. Inoltre, maggiori finanziamenti governativi dovrebbero essere incanalati verso le aziende private che decidano d’investire in ambito sanitario, in particolare in settori ad alto contenuto tecnologico.

In campo ci sono ben 100 miliardi di euro, ai quali il governo di Pechino ne ha aggiunti altrettanti per accelerare la riforma nel triennio 2009-2011. In tutto 200 miliardi di euro da qui al 2020, da spendere per allestire 29mila nuovi centri medici locali, 2.000 nuovi ospedali di contea, formare e valutare 1.370.000 medici che opereranno in villaggi anche sperduti, formare altri 160mila medici che opereranno in comunità più allargate, produrre in proprio e distribuire almeno 300 tipologie di farmaci essenziali. Uno sforzo che dovrebbe contribuire a risolvere l’enorme varietà di problemi medici, dalla salvaguardia della salute di 300 milioni di fumatori, di 177mila ipertesi e centinaia di migliaia di malati di AIDS.

Nonostante la riforma sanitaria varata da Pechino nel 2003 abbia già ottenuto buoni risultati, permangono forti disparità nell’accesso alle prestazioni, a svantaggio soprattutto di chi vive nelle campagne. Qualche numero dà la misura delle diseguaglianze ancora esistenti. Nella provincia più ricca, quella di Shangai, l’aspettativa di vita alla nascita supera ormai i 78 anni ed è vicina a quella di un europeo o di un giapponese. Nelle provincie rurali più povere dell’interno, non va oltre i 65 anni e si avvicina a quella della Russia e degli altri grandi paesi dell’Asia continentale. Nelle provincie più sviluppate la mortalità infantile è cinque volte minore che nelle provincie più arretrate. In città la malnutrizione infantile è tre volte inferiore alle campagne. In città vivono inoltre 140 milioni di persone che in pochi anni si sono trasferite dalla campagna e non hanno protezione sanitaria alcuna.

Ma rispetto alla disastrosa assenza di copertura sanitaria perdurante fino agli anni ’90, sono stati compiuti passi avanti da gigante. Attualmente l’87% della popolazione cinese è coperta da almeno uno degli strumenti assicurativi governativi: l’Assicurazione medica di base dei lavoratori e quella per i residenti urbani. Nel 2010 i 410 milioni che vivono nelle aree urbane, pari al 70% della popolazione metropolitana, hanno una sufficiente copertura sanitaria. Il premio assicurativo minimo annuale è stato innalzato a 140 yuan pro-capite (120 a carico dello Stato, 20 dell’utente). Il che ha permesso d’includere nei servizi coperti dal sistema sanitario alcune prestazioni ambulatoriali per malattie croniche, l’aumento dei rimborsi statali al 60% delle spese di ospedalizzazione e al 50% di quelle ambulatoriali per malattie non croniche.

Progressi che il governo di Pechino punta a incrementare anche importando un po’ dei modelli sanitari e gestionali della nostra bistrattata sanità.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy