• Google+
  • Commenta
2 Maggio 2011

La storia della Scuola Medica Salernitana diventa interattiva e multimediale

Una proficua collaborazione tra l’Università degli Studi di Salerno e il Museo della Scuola Medica Salernitana ha permesso di sviluppare un innovativo progetto di museo virtuale.

Il Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana è un progetto innovativo che presenta in modalità interattiva e multimediale la storia e le immagini dell’istituzione medica salernitana. Una scrupolosa ricerca tra preziosi codici medioevali, conservati nelle più importanti biblioteche italiane ed europee, ha permesso di creare un ricchissimo corredo iconografico che accompagna la narrazione tra spettacolarizzazioni e miniature animate realizzate in collaborazione con il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Salerno.

La presentazione interattiva è arricchita da un ipermedia, ovverosia un data base in continuo incremento che consentirà al visitatore di approfondire le tematiche esposte e di avvalersi di un’ampia raccolta di documenti e della bibliografia sulla Scuola. Proprio dalla volontà di approfondire ed aggiornare gli studi dedicati alla Scuola, si è voluto rendere il museo anche luogo di incontri più specialistici con docenti e studiosi, relativi ad argomenti specifici, a carattere filosofico, filologico e storico, sulle opere e sul contesto culturale della Scuola Medica Salernitana.

Nell’ambito di questi incontri, il 2 maggio 2011, nei locali del Museo della Scuola Medica Salernitana si è tenuta una conferenza intitolata “Matteo Silvatico: verso un’edizione critica del Liber Pandectarum Medicinae”, curata dalla Dott.ssa Corinna Bottiglieri. La conferenza ha visto anche la partecipazione della prof.ssa Maria Galante, Prorettore dell’Università di Salerno e Professore ordinario di Paleografia latina presso la stessa Università, che è intervenuta per introdurre la discussione.

Il prossimo incontro è previsto per il 5 maggio 2011, quando si terrà una conferenza intitolata “Le altre storie dei Longobardi”, a cura del prof. Claudio Azzara, Professore associato di Storia Medievale presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Salerno.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata