• Google+
  • Commenta
7 Maggio 2011

Porte aperte alle imprese

Pavia: meeting tra studenti e aziende in cui, oltre a lasciare i soliti CV, si ha la possibilità di imparare a muoversi nel limbo che intercorre tra laurea e lavoroCredo che alla maggior parte di noi studenti (soprattutto in vista del traguardo finale) siano venute in mente domande del tipo: “Ma come diavolo si fa un colloquio di lavoro..e soprattutto..che devo dire??” oppure “Nel curriculum devo scrivere che ho giocato a calcio perché così sono portato per il lavoro di gruppo??”.

A queste e ad altre spinose questioni si potrà presto avere una risposta, infatti il prossimo 18 maggio, l’ateneo pavese ospiterà l’evento, giunto oramai alla dodicesima edizione, “Porte aperte alle imprese”. Vi saranno rappresentanti di diverse aziende e spin off, degli ordini professionali e di alcune società di consulenza.

Per gli studenti sarà un’ottima occasione per avere un primo approccio con il mondo del lavoro, così diverso e distante dalla realtà accademica di tutti i giorni. Infatti vi sarà la possibilità di migliorare il proprio curriculum vitae grazie alla presenza di un servizio gratuito di CV-check e inoltre si potrà partecipare a delle simulazioni di un colloquio di lavoro, guidate da esperti delle Agenzie per il lavoro.

Naturalmente, come ogni job meeting che si rispetti, sarà attivo un servizio di placement, con la possibilità di sostenere colloqui di lavoro per le varie posizioni offerte dalle aziende partecipanti. Sarà presente anche una sezione “esterofila” con gli interlocutori per i progetti internazionali di Ateneo, la Rappresentanza della Commissione Europea, l’Istituto per il Commercio con l’Estero ed Eurodesk (progetto europeo nato nel 1990 con l’intento di favorire l’accesso dei giovani alle opportunità di mobilità offerte loro dai programmi comunitari).

Per conoscere le aziende coinvolte e le occasioni di lavoro è possibile andare sul sito del COR, il Centro di Orientamento dell’ateneo (http://dipartimenti.unipv.eu/on-dip/ccor/Home/DettaglioHome/articolo410001358.html).

Luca Salvino

Google+
© Riproduzione Riservata