• Google+
  • Commenta
9 luglio 2014

Biblioteca Unibz: medaglia d’oro per la biblioteca universitaria

Biblioteca Unibz

Libera Università di Bolzano – Medaglia d’oro per la biblioteca universitaria

Biblioteca Unibz

Biblioteca Unibz

La biblioteca della Libera Università di Bolzano ha ottenuto quattro stelle e così i massimi voti nei settori dell’offerta, dell’utilizzo, dell’efficienza e dello sviluppo del “BIX-Bibliotheksindex”, la classifica dei servizi bibliotecari stilata dal Deutscher Bibliotheksverband. “Questo riconoscimento conferma ancora una volta che la biblioteca soddisfa al meglio le elevate esigenze della comunità accademica e della popolazione, consentendo loro l’accesso alle fonti scientifiche e alle informazioni”, sottolinea il rettore della Libera Università di Bolzano, il prof. Walter Lorenz.

La biblioteca dell’Università di Bolzano premiata

Il “BIX” è un indice internazionale che permette di valutare i servizi delle biblioteche pubbliche e scientifiche. L’obiettivo è la descrizione dell’efficienza delle biblioteche sulla base di determinati numeri di riferimento. Complessivamente, quest’anno sono state 82 le biblioteche universitarie del mondo di lingua tedesca che hanno partecipato al BIX. La biblioteca della Libera Università di Bolzano, negli anni scorsi aveva già riportato risultati sempre convincenti. Quest’anno è stata raggiunta la valutazione più alta anche nel settore dell’”efficienza”, ovvero relativamente ai processi e ai costi.

Lo scorso anno, la biblioteca ha realizzato alcuni grandi progetti che certamente hanno contribuito al raggiungimento di quest’ottimo risultato: a inizio 2013 è stato rinnovato il software gestionale, a metà luglio, a Brunico, grazie alla collaborazione tra città e università, è stata inaugurata una nuova sede della biblioteca e, a fine anno, per iniziativa della biblioteca di unibz, le banche-dati delle biblioteche dell’EURAC, dello Studio Teologico Accademico di Bressanone e del Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg assieme a quelle del Conservatorio C. Monteverdi e del Museion sono state integrate in una banca-dati comune.

Google+
© Riproduzione Riservata