• Google+
  • Commenta
17 Maggio 2011

Università di Udine : Archeologia della lana

Nell’Italia settentrionale l’allevamento ovino e la lavorazione della lana risalgono già all’età del Bronzo (3.500 a.C) per svilupparsi e creare un indotto, oltre che una filiera manifatturiera di grande importanza, fino all’epoca del Ferro (1.000).
Questa progressiva trasformazione del ciclo di lavorazione della lana in proto industria ebbe un ruolo di vitale importanza nell’economia e nella società. Oggi la moderna riflessione sull’archeologia della produzione della lana approfondisce proprio questi cicli manifatturieri per delineare le dinamiche socio-economiche del tempo.
Il Progetto di Ateneo “Archeologia della lana: allevamento, produzione e commercio nella Cisalpina romana” nasce nel 2009 da una collaborazione tra il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Padova, la Regione Veneto e il Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine, Società dell’Università degli Studi di Verona (TeSIS).
Le conclusioni delle ricerche del Progetto di Ateneo saranno illustrate nelle giornate di studio dedicate a Stefania Pesavento Mattioli che si terranno da domani mercoledì 18 fino a venerdì 20 maggio nelle due sedi di Padova e Verona.

Mercoledì 18 maggio, in Aula Nievo del Palazzo del Bo, alle ore 14.30 dopo i saluti di Giuseppe Zaccaria, Rettore dell’Università degli Studi di Padova, Michele Cortelazzo, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, Elena Francesca Ghedini, Direttore del Dipartimento di Archeologia, Vincenzo Tiné, Soprintendente per i Beni Archeologici del Veneto, Fausta Bressani, Dirigente Regionale della Direzione Regionale Cultura e Dino De Poli, Presidente Fondazione Cassamarca, i lavori saranno introdotti da Maria Stella Busana, Università di Padova e responsabile del Progetto.
Giovedì 19 maggio alle ore 9.00 sempre in Aula Nievo del Palazzo del Bo le giornate di studio riprendono con gli interventi di esperti delle università italiane, responsabili delle Soprintendenze archeologiche e musei. I lavori proseguono nel pomeriggio dalle 14.30 nella stessa sede.
Venerdì 20 maggio il convegno si sposta nella sede di Verona al Polo Zanotto Aula 1.1, Facoltà di Lettere e Filosofia. Dopo i saluti di Guido Vezzù, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia di Verona, e Gian Paolo Romagnani, Direttore del Dipartimento TeSIS, interverranno, tra gli altri, nella sessione dal titolo “La lavorazione e il commercio della lana” Margherita Gleba, University College London, Lin Foxhall e Alessandro Quercia, University of Leicester.

Per informazione: Annarosa Tricorni arose82@libero.it
http://www.archeologia.unipd.it/

Google+
© Riproduzione Riservata