• Google+
  • Commenta
14 giugno 2011

Affidati al Fidr la formazione dei futuri Imam Italiani

La decisione è giunta pochi giorni fa dal Comitato Italiano per l’Islam presso il Ministero dell’Intern
La decisione è giunta pochi giorni fa dal Comitato Italiano per l’Islam presso il Ministero dell’Intern

A pochi giorni dall’inizio della seconda edizione del Corso di Formazione “Nuove presenze religiose in Italia. Un percorso di integrazione“, il Forum Internazionale Democrazia & Religioni dell’Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” ha ricevuto un importante accredito dal Ministero dell’Interno.

Il Comitato Italiano per l’Islam presso il Ministero ha infati deciso, con una nota diffusa lo scorso 31 maggio, di appaltare a livello nazionale al FIDR la formazione civica di coloro che svolgono e svolgeranno una funzione di leadership all’interno delle Comunità islamiche.

«L’integrazione delle comunità islamiche – si legge nella nota ministeriale – va garantita da Imam che siano ministri di culto islamico approvati e abbiano seguito idonei percorsi di formazione. (…) Nello stesso tempo, si segnalano i buoni risultati già raggiunti da attività formative nello specifico campo dell’“educazione ai diritti e doveri della cittadinanza religiosa” promosse da enti pubblici (nel caso di specie Università degli Studi del Piemonte Orientale, Università degli Studi dell’Insubria, Università degli Studi di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Università degli Studi di Padova) con il patrocinio del Ministero dell’Interno».

Il FIDR è nato nel 2009 dalla collaborazione tra i Dipartimenti di Scienze Giuridiche ed Economiche “A. Galante Garrone”, di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive e di Studi Umanistici e delle Facoltà di Giurisprudenza, Scienze politiche e Lettere e Filosofia dell’Università del Piemonte Orientale. Fin dalla sua istituzione il forum si è posto tra i suoi fini istituzionali e scientifici non solo la formazione e la ricerca, ma ancor prima il trasferimento di conoscenze relative ai conflitti etnico-religiosi presenti nelle democrazie e negli ordinamenti giuridici, specialmente dell’area euro mediterranea. Da qui è sorta l’esigenza di istituire un corso di formazione, la cui seconda edizione partirà il prossimo 25 giugno ad Alessandria.

«La decisione del Ministero è un importante riconoscimento del lavoro svolto in questi due anni – come ha riconosciuto il direttore del Forum professor Roberto Mazzola – soprattutto sul piano pratico dell’integrazione, una questione che diventa sempre più rilevante, anche alla luce degli eventi di questi ultimi messi occorsi in Nord Africa».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy